Wrestling, Vince McMahon dice addio alla WWE

Matteo Innocenti
23/07/2022

Il presidente e amministratore delegato della World Wrestling Entertainment, 77 anni, lascia i suoi incarichi dopo un’indagine interna per molestie sessuali.

Wrestling, Vince McMahon dice addio alla WWE

Vince McMahon si è dimesso dalla carica di Ceo e presidente della World Wrestling Entertainment. L’annuncio arriva nel mezzo di un’indagine interno per molestie sessuali. All’inizio di questo mese, il Wall Street Journal aveva riportato che McMahon aveva accettato di pagare più di 12 milioni di dollari negli ultimi 16 anni per reprimere accuse di questo genere. Rimarrà comunque l’azionista di maggioranza della WWE. «A 77 anni è arrivato il momento di ritirarmi. Grazie, universo della WWE. Allora. Adesso. Per sempre. Insieme», ha twittato senza fare alcun riferimento alle indagini in corso.

Vince McMahon, accuse di molestie da parte di quattro donne

A giugno McMahon si era autosospeso dalle cariche in seno alla WWE dopo un articolo del Wall Street Journal che rivelava come avesse accettato di pagare 3 milioni di dollari a una legale, che lo aveva accusato di molestie sessuali sul lavoro. Successivamente, sono emersi altri pagamenti per un totale di oltre 12 milioni. Quattro le donne ad aver stretto accordi con McMahon, dopo aver ricevuto attenzioni indesiderate da parte dell’imprenditore.

Wrestling, Vince McMahon dice addio alla WWE: 77 anni, lascia i suoi incarichi dopo un’indagine interna per molestie sessuali.
Vince McMahon è rimasto alla guida della WWE per 40 anni (Ethan Miller/Getty Images)

Vince McMahon, al timone della WWE per 40 anni

McMahon è da decenni il leader e il volto più riconoscibile della WWE: quando nel 1982 rilevò quella che allora era la World Wrestling Federation da suo padre (che l’aveva fondata nel 1953), i match tra i lottatori si svolgevano in luoghi dalla capacità limitata e venivano trasmesse solo sui canali tv locali. Con McMahon alla guida, la World Wrestling Federation negli anni è diventata un colosso dello sport-intrattenimento: è stato proprio lui, ad esempio, a ideare eventi come WrestleMania, capaci di attirare milioni di appassionati. Oggi la WWE è la principale federazione di wrestling al mondo e i suoi spettacoli televisivi, capaci di raggiungono circa 650 milioni di case in tutto il globo, sono trasmessi in 25 lingue in più di 180 Paesi. Un’impresa che avrebbe reso orgoglioso non solo il padre, Vince McMahon Sr., ma anche il nonno Jess, il quale negli Anni 30 aveva fondato insieme Toots Mondt la Capitol Wrestling Corporation, federazione precursore dell’odierna WWE.

Wrestling, Vince McMahon dice addio alla WWE: 77 anni, lascia i suoi incarichi dopo un’indagine interna per molestie sessuali.
Vince McMahon insieme al lottatore André the Giant (Twitter)