Vaticano, guardia svizzera sviene durante l’udienza: cerimonia interrotta

Claudio Vittozzi
17/08/2022

Papa Francesco si ferma per far aiutare l'uomo prima di riprendere con la sua udienza e invitare tutti a pregare per l'Ucraina

Vaticano, guardia svizzera sviene durante l’udienza: cerimonia interrotta

Oggi Papa Francesco è stato costretto a fermare la sua udienza in Vaticano. Infatti, una guardia svizzera è svenuta proprio dietro le sue spalle. Ecco cos’è successo nei dettagli.

 

Una guardia svizzera ha avuto un malore in Vaticano durante l'udienza di Papa Francesco che ha dovuto fermarsi per far arrivare i soccorsi.

Guardia svizzera sviene in Vaticano: cos’è successo?

Papa Francesco stava conducendo pacatamente la sua udienza odierna quando una guardia svizzera è svenuta proprio dietro di lui. Nell’aula Paolo IV del Vaticano, il Pontefice ha dovuto sospendere per alcuni minuti il suo discorso e accertarsi che la guardia stesse bene. Subito sono intervenuti i soccorsi che hanno prestato aiuto all’uomo. Nel frattempo, i fedeli presenti in aula hanno applaudito e incoraggiato i soccorsi. Fortunatamente l’uomo si è ripreso quasi subito e ha abbandonato l’aula per ulteriori accertamenti.

Questo è stato solo il primo “fuoriprogramma” dell’udienza di Papa Francesco in Vaticano. Infatti, durante i saluti ai fedeli pellegrini italiani, un bambino si è avvicinato a lui ed è rimasto con lui fino alla fine dell’udienza. Un momento emozionante che ha commosso i presenti.

Una guardia svizzera ha avuto un malore in Vaticano durante l'udienza di Papa Francesco che ha dovuto fermarsi per far arrivare i soccorsi.

Le parole del Papa dopo il malessere della guardia svizzera

Dopo ciò che è accaduto alla guardia svizzera in Vaticano, e i relativi accertamenti sulla sua salute, Papa Francesco ha pregato per l’Ucraina. In particolar modo, durante i saluti ai pellegrini polacchi, ha affermato: «In questi giorni, migliaia di pellegrini si recano a piedi al santuario di Jasna Góra, pregando per la pace e la riconciliazione nel mondo. Tra di loro ci sono molti Ucraini che hanno trovato nel vostro Paese una casa ospitale. Affidiamo il destino dell’Europa e del mondo alla Madonna Nera».

Infine, Papa Francesco ha parlato della morte e della vecchiaia dicendo: «La morte è certamente un passaggio difficile della vita. Per tutti noi è un passaggio difficile: tutti dobbiamo andare lì ma non è facile. Ma è anche il passaggio che chiude il tempo dell’incertezza e butta via l’orologio. Perché il bello della vita, che non ha più scadenza, incomincia proprio allora. Incomincia dalla saggezza di quell’uomo e quella donna, gli anziani, che sono capaci di dare ai giovani il testimone».