Vaccino Covid, Locatelli apre agli under 11 in Italia: «Approvazione entro dicembre»

Redazione
04/11/2021

Il presidente del Consiglio Superiore della Sanità ha parlato di ipotesi ragionevole entro Natale. Intanto continua a crescere la curva dei contagi.

Vaccino Covid, Locatelli apre agli under 11 in Italia: «Approvazione entro dicembre»

Anche l’Italia apre ai vaccini anti Covid19 per i bambini in età compresa tra 5 e 11 anni. Dopo la notizia del via libera negli Stati Uniti, anche in territorio italiano si potrebbe partire con la campagna vaccinale per i più piccoli. A dirlo è stato il presidente del Consiglio Superiore di Sanità, Franco Locatelli, intervenuto a Sky Tg24 in merito al momento attuale e a cosa succederà nei prossimi mesi. «Entro Natale credo sia un’ipotesi ragionevole», ha dichiarato Locatelli, «credo che l’Ema possa arrivare ad una valutazione e ad una approvazione entro fine mese o la prima metà di dicembre. A quel punto lì potremo partire». Il presidente del Consiglio Superiore di Sanità ha voluto inoltre sottolineare la sicurezza del vaccino: «Smarchiamo subito il concetto molto chiaramente, è assolutamente un vaccino sicuro, non a caso ha ricevuto l’immediata approvazione sia dalla Fda sia dal Cdc».

Leggi anche: cos’è il Pfizer gate

Vaccini Covid, crescono i contagi ma non le ospedalizzazioni

Più in generale, preoccupa l’aumento dei casi. «C’è un rialzo della curva epidemica, con un progressivo incremento dell’incidenza settimanale di nuovi casi e dell’Rt medio calcolato sui casi sintomatici pari a 0,96, rispetto a 0,86 della scorsa settimana e 0,83 dell’ultima settimana di settembre». Questo è quanto si evince in una circolare del commissario Francesco Figliuolo, Commissario straordinario per l’emergenza Covid-19. Un documento in cui si sottolinea però che «alla crescita dei contagi non corrisponde, per ora, un incremento proporzionale di ospedalizzazioni: secondo le rilevazione aggiornate al 3 novembre, 3.029 persone sono ricoverate con sintomi in degenza ordinaria e 381 in terapia intensiva, a fronte rispettivamente di 3.198 e 440 soggetti ricoverati al 30 settembre scorso».

Vaccini Covid, l’appello di Figliuolo alle Regioni

Figliuolo nella circolare sottolinea anche la necessità di incrementare le vaccinazioni con la somministrazione delle terze dosi e il completamento dei cicli già aperti, per contrastare la cosiddetta «pandemia dei non vaccinati». L’appello del Commissario è rivolto alle Regioni, chiamate a rinforzare «l’opera di informazione e di sensibilizzazione sulla campagna di vaccinazione». Nei prossimi giorni, quindi, si saprà come evolverà la campagna vaccinale in Italia, tra vaccini per i bambini dai 5 agli 11 anni, terze dosi e una fetta di popolazione ancora da convincere.