Torino, lite tra Juric e Vagnati con insulti e spintoni: cos’è successo

Annarita Faggioni
28/07/2022

Sta facendo il giro della rete il video che riprende Juric e Vagnati al centro di una lite: tra i due sono volati insulti e spintoni.

Torino, lite tra Juric e Vagnati con insulti e spintoni: cos’è successo

Brutta lite tra Juric e Vagnati mentre il Torino è in ritiro a Waidring, in Austria. Il video con insulti e spintoni è finito in pasto ai social e ha fatto il giro del web. La lite clamorosa riguarda in particolare il tecnico Ivan Juric e il direttore tecnico Davide Vagnati ed è avvenuta nel parcheggio dell’albergo. L’alterco sarebbe finito grazie all’intervento del team manager Marco Pellegri.

Lite tra Juric e Vagnati: cos’è successo

A quanto si apprende, l’allenatore croato sarebbe venuto alle mani perché non avrebbe ricevuto i rinforzi per la squadra piemontese che aveva richiesto con insistenza. Il video è stato girato da una delle finestre dell’albergo. Durante l’acceso confronto, sarebbero volate anche parole grosse. Vagnati avrebbe accusato Juric di non avere rispetto. Non sei un ca**o di nessuno, non mi alzi la voce. Non mi alzi la voce, non mi alzi la voce. Oh, devi avere rispetto. Come ce l’ho io di te, devi avere rispetto, hai capito testa di ca**o. Abbi rispetto di chi ti difende sempre agli occhi di quel testa di ca**o”, si sentirebbe nel video. La replica dell’allenatore non si sarebbe fatta attendere: Tu non fai un ca**o, sei un imbecille di me**a. Vattene a cagare, vattene a cagare imbecille, vaffanc**o. Ma quale rispetto? Di te? Non ce l’ho. Pensa a lavorare”.

Il commento di Vagnati

Alla domanda dei cronisti di Sky Sport, Vagnati ha dichiarato che la lite è già acqua passata e che i due sono persone vere che si vogliono un gran bene. Detto questo, la società starebbe facendo di tutto per firmare i contratti e per ottenere i calciatori che servono per la squadra. Su questo punto, Vagnati ha commentato la mancata firma del contratto con Belotti: “Lui senza squadra? Mi sorprende, è un giocatore che ha fatto bene. Noi gli avevamo proposto un’offerta e lui ha deciso così: è un bravo ragazzo e gli auguro il meglio”.