Addio a Tito Stagno, il telecronista che ci portò sulla Luna

Redazione
01/02/2022

Il giornalista Rai che raccontò in diretta agli italiani l'impresa dell'Apollo 11 si è spento a 92 anni. Seguì capi di Stato come JFK, pontefici e curò per anni La domenica sportiva.

Addio a Tito Stagno, il telecronista che ci portò sulla Luna

È morto a 92 anni Tito Stagno, lo storico telecronista Rai che raccontò agli italiani lo sbarco sulla Luna, il 20 luglio 1969.

Dagli studi in Medicina alla Rai

Nato a Cagliari, a soli 13 anni prese parte nel 1943 a Marinai senza stelle (che uscì nelle sale solo nel 1948) di Francesco De Robertis. Nel 1959 un’altra brevissima apparizione sul grande schermo ne Il Vedovo di Dino Risi nel ruolo di un giornalista televisivo. Dopo gli studi classici si iscrisse a Medicina. Ma nel 1949 cominciò a lavorare in radio. Pochi anni dopo, nel 1954, vinse un concorso nazionale per telecronisti e così lasciò l’università per trasferirsi a Roma. Qui nel 1955 fece parte della redazione del primo telegiornale di Vittorio Veltroni. Nel 1956 seguì le Olimpiadi di Cortina. Nel 1957 dal Campidoglio commentò la firma dei trattati del Mercato Comune Europeo. Seguì le visite dei capi di Stato nel nostro Paese comprese quelle dei reali britannici e di John Fitzgerald Kennedy e vari pontefici, tra cui Giovanni XXIII.

addio a tito stagno, il telecronista rai è morto a 92 anni
Tito Stagno (da Youtube).

Il battibecco con Orlando sull’allunaggio che entrò nella storia

Fu uno dei più amati volti del tigì dagli Anni 60 ai primi 70. Fu lui a raccontare il primo volo di Jurij Gagarin intorno alla Terra. Da lì in poi si occupò delle dirette e dei servizi che riguardavano lo spazio. Nel 1966, alla vigilia del Programma Apollo, venne inviato negli Usa per un viaggio di aggiornamento. Proprio negli States seguì passo passo la missione che portò l’uomo sulla luna fino alla diretta che lo fece entrare nella storia e quel «Ha toccato! Ha toccato il suolo lunare!» con cui raccontò a 10 milioni di italiani l’allunaggio dell’Apollo 11 insieme con Ruggero Orlando da Houston. Tra i due scoppiò un battibecco in diretta circa il momento esatto dello sbarco. Finì che la frase storica «Eagle has landed» pronunciata da Neil Armstrong ce la perdemmo. Alla fine emerse che Stagno lo aveva annunciato con 56 secondi di anticipo e Ruggero con 10 secondi di ritardo. Il risultato come raccontò lo stesso Stagno fu che applaudimmo due volte l’impresa. Fu una giornata memorabile, la prima maratona tv – 30 ore di diretta – alla quale parteciparono oltre a Stagno e Orlando anche Enzo Forcella e Gianni Bisiach e dagli Usa in collegamento Piero Angela.

Gli anni alla Domenica sportiva e Sanremo nel 2014

Per 17 anni fu responsabile dello Sport su Rai Uno, curando La Domenica Sportiva dal 1976 al 1993. Il 15 dicembre 2010, ospite di Sky TG24, commentò la diretta del lancio della missione spaziale Sojuz TMA-20 dal cosmodromo di Bajkonur in Russia con a bordo l’astronauta italiano Paolo Nespoli. Non poteva mancare nella sua lunghissima carriera una parentesi sanremese nel 2014 con Fabio Fazio.