Good Morning, Afghanistan

Il solo nemico che l’Afghanistan non può sconfiggere è se stesso (Khaled Hosseini).

gli uomini più ricchi dell'Afghanistan
Il Capitale afghano
La maggior parte di loro ha fatto fortuna grazie agli americani. Fondando e gestendo imperi nelle costruzioni e nelle telecomunicazioni. Chi sono (o chi erano) gli uomini più ricchi del Paese.
i fallimenti in politica estera di angela merkel e della germania
Zitti e Mutti
Il bilancio della politica estera di Angela Merkel è costellato di errori di valutazione e passi falsi. A partire dal fallimento, dichiarato, in Afghanistan fino alla crisi ucraina.
Con i talebani al potere, e con la legge della sharia nuovamente in vigore, si apre il capitolo del futuro dell'Afghanistan
Talequali
Gli Studenti di Dio ora cercano legittimazione. Tra le linee guida del nuovo governo l'amnistia per chi ha collaborato con gli occidentali, lo stop al business della droga e maggiori diritti per le donne. Solo annunci di facciata o un tentativo di 'normalizzazione'? I possibili scenari.
È l'unica regione non finita in mano ai talebani. A guidarla c'è Ahmed Massud, figlio del leggendario "Leone del Panshir".
I leoni del Panshir
A guidare la resistenza dell'unica regione dell'Afghanistan non caduta in mano ai talebani c'è Ahmad Massud, figlio dell'eroe nazionale ucciso da al Qaeda il 9 settembre 2001. Che ora sfida il primogenito del Mullah Omar.
Si presentano come "reporter" o "attivisti per la pace", ma sono solo talebani che riempiono Twitter di propaganda jihadista.
Il cinguettio dei talebani
Si presentano come «attivisti per la pace» o «giornalisti freelance», scrivono in due lingue e usano modi ed espressioni tipiche dei reporter internazionali. Chi sono i mujaheddin di Twitter che incarnano il nuovo volto istituzionale dei miliziani.
Le milizie jihadiste hanno conquistato il palazzo presidenziale e hanno annunciato la nascita dell'Emirato Islamico dell'Afghanistan
Bye bye Biden
I talebani sono tornati al potere dopo 20 anni. Dall'addio all'Afghanistan delle truppe statunitensi l'ascesa è stata rapida e inesorabile. Un ritiro le cui conseguenze sono state clamorosamente sottovalutate e del quale il presidente Usa dovrà dar conto.
Coi talebani sempre più vicini a riconquistare l'intero Afghanistan, i buoni rapporti con la Cina potrebbero essere molto importanti.
Giallo caffettano
I talebani sono sempre più vicini a riconquistare l'intero Afghanistan e hanno già cominciato ad "aprirsi" alla Cina. Che nell'area ha più di un interesse. Con buona pace della minoranza musulmana degli uiguri repressa da Pechino.