La Iss verso la pensione

Fabrizio Grasso
03/02/2022

La Nasa ha annunciato che la Stazione internazionale terminerà le operazioni nel 2031. Si inabisserà nel Punto Nemo del Pacifico, ma prima ospiterà nuove missioni, tra cui una con Samantha Cristoforetti.

La Iss verso la pensione

Dopo oltre 30 anni di onorato servizio, la Stazione Spaziale Internazionale andrà in pensione. La Nasa ha infatti annunciato che la ISS continuerà le sue operazioni fino al gennaio 2031, quando si inabisserà nel Punto Nemo. Si tratta del cimitero di tutti i relitti spaziali, 4 chilometri sotto la superficie dell’Oceano Pacifico. Il report della Nasa ha annunciato che il pensionamento dell’ISS segnerà l’inizio di una nuova era per le stazioni spaziali commerciali.

Stazione Spaziale Internazionale, il piano di inabissamento e i progetti futuri

«La Stazione Spaziale Internazionale sta entrando nel suo terzo e più produttivo decennio come piattaforma scientifica rivoluzionaria in microgravità», ha affermato Robyn Gatens, direttore della Stazione Spaziale Internazionale presso la sede della Nasa. In orbita dal 1998, ha consentito lo sviluppo e la crescita anche delle conoscenze educative e tecnologiche, oltre che la possibilità di viaggiare nello spazio profondo. Il suo pensionamento, inizialmente previsto per il 2024, è stato esteso dall’amministrazione Biden grazie all’ottima resa dei materiali e dell’intera struttura, dai moduli ai radiatori.

Il piano della Nasa prevede che, una volta raggiunta la deadline della ISS, vengano distaccati alcuni moduli commerciali. La stazione si avvicinerà dunque al nostro pianeta fino a sfiorarne l’atmosfera (fase di deorbitamento), acquistando così maggiore velocità. Ad eseguire le manovre saranno alcune navette da rifornimento senza pilota, probabilmente tre Progress russe e una Cygnus statunitense. Saranno loro infatti a indirizzarla, prima della sua discesa definitiva, verso il Punto Nemo, area nell’Oceano Pacifico a 2700 chilometri di distanza da qualsiasi terraferma. «È praticamente il posto più lontano da qualsiasi civiltà umana che puoi trovare sul pianeta», ha dichiarato la Nasa. Il cimitero spaziale, situato 4000 metri sotto la superficie dell’acqua, è da anni luogo di eterno riposo per vecchi satelliti e detriti spaziali.

Per il futuro, la Nasa ha già stipulato un contratto per il rilascio di alcuni moduli da collegare al porto di attracco di una nuova stazione alla fine del decennio. Inoltre sorgeranno anche altre tre stazioni commerciali a volo libero (dal costo totale di circa 415 milioni di dollari) per la ricerca e il turismo spaziale. «Non vediamo l’ora di condividere le nostre conoscenze per aiutare lo sviluppo di sedi sicure, affidabili ed economiche in orbita al ritiro della ISS», ha dichiarato Phil McAlister, direttore dello spazio commerciale per la Nasa.

ISS, in primavera una nuova missione con Samantha Cristoforetti

Grande quanto un campo da football, la Stazione Spaziale Internazionale orbita attorno alla Terra dal 1998, grazie all’impegno di Russia, Usa, Canada, Giappone e diversi paesi europei. Due anni dopo ha iniziato a ospitare gli astronauti e, ad oggi, è la stazione più affollata di sempre. Il suo laboratorio ospita progetti universitari, governativi e commerciali al fine di migliorare l’esperienza in orbita di ricercatori e turisti.

In attesa della pensione, la ISS non rimarrà con le mani in mano. Attualmente in sviluppo attività per sviluppare le tecnologie in nostro possesso e un’iniziativa volta a inviare la prima donna e la prima persona di colore sulla Luna. In fase di progettazione anche una missione per il primo sbarco umano su Marte. In primavera tornerà a bordo anche Samantha Cristoforetti, nuovamente in orbita dopo la missione “Futura” del 2014. Proprio in queste ore, la Nasa ha approvato la prima missione di astronauti privati. Axiom Mission 1 partirà il 30 marzo avrà come guida Michael López-Alegría, ex Nasa e altri tre scienziati della Axiom Space, azienda nata nel 2016. «Un’altra pietra miliare per creare un’economia in orbita terrestre bassa», ha concluso McAlister.