Con The Glory e Doctor Cha la Corea del Sud conquista lo streaming

Fabrizio Grasso
13/12/2023

La piattaforma statunitense ha condiviso i dati degli ascolti di oltre 18 mila film e serie tivù, confermando l’ascesa delle produzioni di Seul. Nei primi 50 posti anche Physical: da 100 a 1, Corso accelerato sull’amore e Una pessima madre ideale. Tra gli italiani primeggia La legge di Lidia Poet.

Con The Glory e Doctor Cha la Corea del Sud conquista lo streaming

Per la prima volta, Netflix ha diramato online i dati sulle visualizzazioni di tutto il suo catalogo. Lo streamer ha infatti svelato gli ascolti a livello globale di oltre 18 mila film e serie tivù relativi al primo semestre del 2023. In testa c’è The Night Agent con 812 milioni di ore, seguito da Ginny e Georgia 2 con 665 milioni. Al terzo posto The Glory, nuova produzione firmata Corea del Sud. Dopo il grande successo di Squid Game, che resiste al 120esimo posto con 87,2 milioni di ore, Seul ha piazzato altre cinque serie tivù in Top50. Un dato che conferma l’ascesa del Paese asiatico, che il 22 dicembre rilascerà un nuovo progetto, La creatura di Gyeongseong. Fra le italiane si è fatta notare La legge di Lidia Poet con Matilda De Angelis che, grazie a 85 milioni di ore di visualizzazione, è 133esima nel mondo.

Non solo Squid Game, le 5 migliori serie tivù prodotte in Corea del Sud

The Glory, il K-drama che racconta gli effetti del bullismo a scuola 

Con 622 milioni di ore di visualizzazione a livello globale, sul gradino più basso del podio c’è The Glory. In streaming già dal 30 dicembre 2022, racconta in otto puntate una storia di vendetta a seguito di episodi di bullismo. La trama segue infatti Moon Dong Eun che, nonostante il sogno di diventare architetto, lascia la scuola per colpa di soprusi e violenze subite dai compagni di classe. Anni dopo, si ritrova a insegnare al figlio di uno dei bulli, mettendo in atto un piano di vendetta anche contro chi rimase a guardare senza prendere le sue difese. Nel cast Song Hye-kyo già vista in The Grandmaster sulla vita del maestro di Bruce Lee. La sceneggiatura è invece opera di Kim Eun Sook, autore di Descendants of the Sun.

Physical: da 100 a 1, il game show che si ispira a Squid Game

Al 15esimo posto della classifica di Netflix c’è Physical: da 100 a 1, game show prodotto in Corea del Sud e sbarcato in streaming il 24 gennaio 2023. Durante il programma, come si deduce dal titolo, 100 concorrenti si devono sfidare in prove fisiche che mettono a dura prova la forza e l’agilità. Fra star del fitness e celebrità di sport come judo e baseball, chiunque può mettersi in gioco fino a quando non ne resterà solamente uno. In palio, come per la serie di Hwang Dong-hyuk, un premio in denaro, pari a 250 mila euro. Lo show conta nove episodi e ha accumulato 235 milioni di ore di visualizzazioni.

Corso accelerato sull’amore, la Corea del Sud fra istruzione e sentimenti

Immediatamente alle spalle di Physical: da 100 a 1 c’è un’altra produzione della Corea del Sud. Si tratta della serie tivù Corso accelerato sull’amore, che ha totalizzato appena 200 mila ore in meno di chi la precede nella speciale classifica. In streaming dal 14 gennaio 2023, si concentra su una madre dal cuore d’oro che deve affrontare lo spietato mondo dell’istruzione nel suo Paese. Sua figlia ha infatti le carte in regole per accedere al corso di un famoso docente di matematica, ma in tanti proveranno a metterle i bastoni fra le ruote. Nel cast Jeon Do-yeon, Prix d’interpretation feminine a Cannes 2007 per la sua performance in Secret Sunshine di Lee Chang-dong nonché unica sudcoreana a ottenere il riconoscimento.

Doctor Cha, la commedia che critica la società in Corea del Sud

La Corea del Sud può vantare nella Top30 di Netflix anche Doctor Cha, serie tivù di 16 episodi sbarcata sulla piattaforma statunitense il 15 aprile 2023. Con 194,7 milioni di ore di visualizzazione, si è infatti piazzata al 25esimo posto, immediatamente davanti a Tenebre e Ossa 2, fra le produzioni più recenti cancellate dallo streamer. La trama si concentra su Cha Jeong-suk, una casalinga che non riesce a sopportare le vessazioni quotidiane del marito, un chirurgo violento che le ha tolto ogni libertà. Laureata in medicina da 20 anni, ma lontana dalle corsie di ospedale per i troppi impegni domestici, grazie a una collega intraprendente decide di rimettere il camice e iniziare una nuova vita. Un’opera che, con espedienti comici, critica i lati negativi della società sudcoreana. Nel cast Uhm Jung-hwa, nota in patria anche come cantante grazie ai 10 album in studio.

Una pessima madre ideale, il K-drama che mette al centro l’amore di una madre

In Top50, precisamente al 49esimo posto con 148,6 milioni di ore di visualizzazione su Netflix, c’è infine Una pessima madre ideale. K-drama in 14 episodi, è opera di Bae Se-young, autore del remake per la Corea del Sud di Perfetti sconosciuti. Protagonista della storia è una madre single, Young-soon, che ha cresciuto da sola il suo unico figlio nell’allevamento di maiali che gestisce nella periferia di una grande città. Dura e aspra per via di una vita difficile, non ha trasmesso il suo amore al figlio che anzi la vede come una pessima madre. Inattesi eventi però consentiranno loro di riscoprire se stessi. La serie è disponibile in streaming dal 26 aprile.