Sara Bartoli, chi era l’atleta morta in un incidente a San Casciano

Annarita Faggioni
28/07/2022

La stella della corsa ad ostacoli Sara Bartoli è stata investita mentre si stava allenando: l'incidente si è rivelato fatale. 

Sara Bartoli, chi era l’atleta morta in un incidente a San Casciano

Atleta di talento, 30 anni e residente a Mercatale, Sara Bartoli è morta a causa di un incidete dopo essere stata travolta da un’auto mentre si stava allenando. La giovane era campionessa di una particolare disciplina di corsa ad ostacoli, la Obstacle Course Race, e condivideva la sua vita e i suoi allenamenti sui social, dove  oragli amici ora la salutano con affetto.

Sara Bartoli: chi era l’atleta morta in un incidente

“Non accontentatevi di una vita che è meno di quello che siete capaci di vivere”. Così Sara scriveva sui suoi social accanto a massime di incitamento come La mente domina il corpo. La ragazza aveva iniziato il suo percorso sportivo da piccola e non lo aveva mai lasciato. Aveva anche ottenuto una laurea a tema Food Science and Nutrition, con una tesi sulla nutrizione per gli atleti nella sua disciplina. Infine, aveva partecipato al programma televisivo I Soliti Ignoti in qualità di ignoto definendo l’evento una bellissima esperienza.

La sua vita è stata purtroppo stroncata da un incidente avvenuto all’altezza del Tondo alle Corti. Stando a una prima ricostruzione, la ragazza stava correndo per allenarsi quando un’auto l’ha travolta e colpita i pieno. Il conducente, un trentenne, ha dichiarato di essere stato abbagliato dal sole e di non aver visto Sara. I soccorsi, allertati subito dopo l’accaduto, non hanno potuto fare nulla per salvarla e si sono limitati a constatarne il decesso.

Il ricordo sui social

L’improvvisa scomparsa dell’atleta ha spiazzato gli amici, che le hanno dedicato una serie di commenti sui social per darle un ultimo saluto. “Eri una ragazza che emanava positività a secchiate. Bella e determinata. Questo silenzio che ci lascerai sarà più assordante di ogni campana suonata all’ostacolo. Ci mancherai in questo viaggio fangoso ed ora che tu ha già superato il traguardo stai lì e veglia su di noi“, ha scritto uno di loro.