Roma, è arrivata in città anche la vespa orientalis

Redazione
28/07/2022

È più aggressiva e velenosa di quella comune. Non si vedeva nella Capitale dagli Anni Cinquanta: «Attirata dai rifiuti».

Roma, è arrivata in città anche la vespa orientalis

Dopo i cinghiali, i lupi, i topi, le tartarughe azzannatrici e i gabbiani, adesso Roma deve affrontare un’altra minaccia: la vespa orientalis, che nella capitale non veniva segnalata dagli Anni Cinquanta. Attirati anch’essi dai rifiuti, gli insetti sono stati rinvenuti nel balcone di un’abitazione del quartiere Monteverde, da dove tra l’altro viene il sindaco Roberto Gualtieri, da una donna appena rientrata dalle vacanze. «Mi ero accorta della presenza di questi insetti da un mesetto. Ma ne vedevo uno ogni dieci giorni e la cosa non mi aveva messo in allerta. Ora però, tornata dalla vacanze, ho trovato sette calabroni incastrati tra la finestra e la zanzariera, così sono uscita sul terrazzo ed ho visto che c’era un viavai incredibile di calabroni che entravano ed uscivano da un buco nel muro», ha raccontato a RomaToday.

Roma, è arrivata in città anche la la vespa orientalis, più aggressiva e velenosa di quella comune: «Attirata dai rifiuti».
La vespa orientalis non si vedeva a Roma dagli Anni 50.

Vespa orientalis, come riconoscerla

«Rispetto alle comuni vespe hanno una capacità di pungere superiore, se molestate, e sono più a rischio anziani e bambini e coltivazioni», ha spiegato a Repubblica l’etologo e zoofilo naturalista Andrea Lunerti, che a maggio era stato coinvolto nella cattura di una tartaruga azzannatrice nel giardino di un condominio. «Questa vespa solitamente si nutre di rifiuti organici e in putrefazione. E come i cinghiali o i topi anche la Orientalis può essere attirata dall’immondizia». Per certificare l’arrivo in città della vespa orientalis, Lunerti ha preso in analisi tre operaie e una regina. La vespa orientale è un vespide simile al calabrone europeo: si riconosce dalla presenza di fascette gialle su addome e testa.

Roma, è arrivata in città anche la la vespa orientalis, più aggressiva e velenosa di quella comune: «Attirata dai rifiuti».
I cinghiali hanno da tempo invaso la Capitale (Pexels)

A Roma continua l’emergenza-rifiuti

I rifiuti continuano a essere un problema per la Capitale, non solo per una questione di decoro e cattivo odore, ma anche per le conseguenze dell’abbandono e dell’accumularsi dei rifiuti in strada: nelle zone periferiche di Roma stanno proliferando i cinghiali, che a loro volta stanno attirando vicino all’abitato branchi di lupi.