Report, le anticipazioni del 28 gennaio: su Rai 3 il Piano Lombardia e l’inquinamento della Pianura Padana

Redazione
28/01/2024

La prima inchiesta riguarderà la ripartizione, ai Comuni lombardi, dei fondi destinati agli interventi post-Covid. Poi l'alta concentrazione di particolato nel Nord Italia e il fallimento di Ki Group. Appuntamento con Sigfrido Ranucci dalle 20.55.

Report, le anticipazioni del 28 gennaio: su Rai 3 il Piano Lombardia e l’inquinamento della Pianura Padana

Alle 20.55 di domenica 28 gennaio 2024 su Rai 3 verrà trasmessa una nuova puntata di Report condotta come sempre da Sigfrido Ranucci: ecco tutte le anticipazioni.

Report, le anticipazioni del 28 gennaio 2024: il Piano Lombardia

La puntata si aprirà con La legge mancia lombarda, un’inchiesta sul cosiddetto Piano Lombardia, anche noto come Piano Marshall o Piano Fontana poiché il presidente della Regione ha scelto di associarvi il suo nome durante le elezioni regionali di febbraio 2023. Si tratta di un programma avviato nel 2020 per la ripresa economica della Lombardia in risposta alla diffusione del Covid. Un fondo di 4 miliardi di euro destinato a investimenti nei settori sanitario, infrastrutturale, viabilistico, sviluppo sostenibile e digitalizzazione. Una considerevole somma di denaro è stata distribuita su alcuni comuni della Regione, spesso con la selezione dei progetti da finanziare che sembrava dipendere dal colore politico dell’amministrazione locale. Il reportage proporrà un viaggio attraverso le province di Milano, Brescia, Como e Bergamo per verificare sul campo quali comuni sono stati finanziati e quali progetti sono stati effettivamente realizzati.

Report, le anticipazioni del 28 gennaio 2024: l’inquinamento in Pianura Padana

Successivamente il servizio Profumo d’Oriente esaminerà la situazione in Pianura Padana, una delle regioni europee con i più elevati livelli di inquinamento da particolato PM10 e PM 2,5. A causa delle continue violazioni dei limiti, l’Italia è stata ripetutamente condannata dalla Corte di Giustizia europea e potrebbe dover affrontare una multa che supera i 2 miliardi di euro. Un fattore significativo di inquinamento da particolato in queste zone è attribuibile all’industria zootecnica, con un’elevata concentrazione di animali da allevamento. I liquami e i letami prodotti da questi animali rilasciano ammoniaca nell’aria, che, combinandosi con altre sostanze, genera il particolato. In Giappone, il Daiso KET Institute ha sviluppato una tecnologia innovativa in grado di neutralizzare il cattivo odore e ridurre quasi a zero le emissioni di ammoniaca e altri gas inquinanti derivanti dal letame e dal liquame. Il gruppo giapponese ha cercato per anni di sensibilizzare istituzioni regionali e nazionali italiane su questa soluzione, ma nessuno ha mai manifestato interesse nell’approfondire la questione.

Report, le anticipazioni del 28 gennaio 2024: Ki Group

Chiuderà la puntata Il santo fallimento dedicato alla vicenda di Ki Group, gestita da Daniela Santanchè e Canio Mazzaro per quasi 10 anni. Dopo una lunga attesa, la società ha pagato la liquidazione ai dipendenti, ma agli oltre 70 agenti commerciali, che da tre anni chiedono gli stipendi arretrati, è stato proposto un accordo svantaggioso che puntava a evitare il fallimento della società, pagando il minimo possibile. Nonostante i lavoratori abbiano accettato compromessi, l’obiettivo di evitare il fallimento non è stato raggiunto, poiché l’azienda era gravata da oltre 9 milioni di euro di debiti, di cui quasi 3 milioni con lo Stato, e il tribunale l’ha dichiarata fallita a inizio gennaio. Una sentenza che potrebbe portare all’avvio di una indagine per bancarotta fraudolenta