Regionali Sicilia, FI e Lega scelgono Prestigiacomo ma Fratelli d’Italia dice no

Redazione
10/08/2022

Il senatore di FdI non ci sta dopo aver appreso la notizia dell'accordo tra Forza Italia e il Carroccio sul nome dell'ex ministro. Il centrodestra rischia un'altra spaccatura in una Regione dopo i problemi legati al Fontana-bis in Lombardia. E Musumeci, intanto, ritira la candidatura.

Regionali Sicilia, FI e Lega scelgono Prestigiacomo ma Fratelli d’Italia dice no

I partiti di centrodestra avanzano compatti verso il 25 settembre, giorno delle elezioni in tutta Italia. Ma è nelle singole Regioni che questa unione vacilla e anzi le crepe di qualche spaccatura possibile compaiono già evidenti. Dopo la Lombardia, in cui tiene banco il caso Letizia Moratti, avversaria in casa del governatore Fontana, adesso è la Sicilia il terreno di scontro principale per Fratelli d’Italia, Forza Italia e Lega. Dopo le dimissioni di Nello Musumeci, anche sull’isola si voterà il 25 settembre, ma il centrodestra ha difficoltà a decidere chi sarà il nome da lanciare come prossimo presidente siciliano. Sembrava fatta per il sì alla ricandidatura dell’ormai ex governatore, ma nelle scorse ore è avanzato prepotente il nome dell’ex ministro Stefania Prestigiacomo, caldeggiato da Forza Italia e Lega. Fratelli d’Italia non ci sta.

FI e Lega: «Prestigiacomo candidata migliore» 

Prima Nello Musumeci, poi il leghista Nino Minardo e infine il nome che sembrava aver messo d’accordo tutti: Stefania Prestigiacomo. L’ex ministro era stata lanciata già da Silvio Berlusconi nei giorni scorsi e sembra che Lega e Forza Italia abbiano trovato l’accordo per sceglierla come candidata forte per il ruolo di presidente della Regione Siciliana. A confermarlo è stato il commissario regionale di FI in Sicilia, Gianfranco Miccichè: «La Lega si è dimostrata un partito sensibile nei confronti dell’intera coalizione. Un grazie a Matteo Salvini e a Silvio Berlusconi che si sono adoperati per trovare la soluzione. Speriamo che anche gli altri alleati della coalizione dimostrino lo stesso spirito di collaborazione. La nostra candidata Stefania Prestigiacomo è la persona migliore per sfidare i mille problemi atavici di questa Regione e per gestire con intelligenza ed equilibrio i rapporti con tutti i partiti dell’alleanza».

Regionali Sicilia, FI e Lega scelgono Prestigiacomo ma Fratelli d'Italia dice no. «Non ci faremo imporre nomi», dice La Russa
Stefania Prestigiacomo (Twitter)

Fratelli d’Italia non ci sta: «La scelta va condivisa»

Ma sulla scena irrompe il senatore Ignazio La Russa, in rappresentanza di Fratelli d’Italia. «Accordo Lega-FI sulla candidatura in Sicilia dell’ex ministra Stefania Prestigiacomo? A mezzo stampa forse», ha dichiarato, attaccando i partiti della coalizione. «Noi non abbiamo fatto alcun accordo e non facciamo intese sulla stampa. Non capiamo ancora l’ostilità nei confronti del presidente uscente Nello Musumeci ma comunque stiamo lavorando per l’unità della coalizione. Sicuramente, Giorgia Meloni non si farà imporre nomi, la scelta va condivisa. Siamo sereni e al lavoro».

Regionali Sicilia, FI e Lega scelgono Prestigiacomo ma Fratelli d'Italia dice no. «Non ci faremo imporre nomi», dice La Russa
Il senatore di Fratelli d’Italia Ignazio La Russa (Getty)

E Musumeci dice basta: «Cercatevi un candidato»

A rispondere è stato anche uno dei protagonisti. L’ex presidente Nello Musumeci, con un post di poche righe su Facebook, ha mostrato tutta la propria insofferenza ritirandosi ufficialmente dalla corsa alle Regionali. «Basta con questo interminabile mercato nero dei nomi», scrive. «Cercatevi un candidato che risponda alle vostre esigenze. Mi rendo conto di essere un presidente scomodo. Ringrazio di vero cuore Giorgia Meloni e Ignazio La Russa per il convinto e tenace sostegno datomi. Torno a fare il militante».