Post sessista del senatore della Lega Germanà contro la collega del M5s Floridia: poi le scuse

Redazione
04/12/2023

Entrambi messinesi, il primo ha attaccato la presidente della Commissione di Vigilanza Rai dopo la sua partecipazione al corteo No Ponte di sabato 2 dicembre. La pentastellata: «Anche le parole sono violenza». Immediato il passo indietro: «Colpa di un collaboratore, ha pubblicato senza autorizzazione».

Post sessista del senatore della Lega Germanà contro la collega del M5s Floridia: poi le scuse

Il Ponte sullo Stretto fa scontrare due senatori. Si tratta della pentastellata Barbara Floridia, presidente della Commissione di Vigilanza Rai, e del collega della Lega, Nino Germanà. I due sono entrambi di Messina, ma di schieramenti apposti. E infatti la senatrice del Movimento 5 stelle ha partecipato al grande corteo organizzato in riva allo Stretto dal movimento No Ponte, che ha coinvolto circa 10 mila partecipanti. Proprio in quest’occasione, Floridia ha diffuso un video in cui parla dell’opera. La stessa clip è stata ripresa da Germanà, che nel post ha attribuito un doppio senso a sfondo sessuale alla frase della senatrice: «Ce lo fate vedere? Tiratelo fuori». Lei lo ha poi attaccato sui social e lui ha cancellato il post, scusandosi e attribuendolo a un collaboratore.

Post sessista del senatore della Lega Germanà contro la collega del M5s Floridia poi le scuse
Nino Germanà (Imagoeconomica).

Floridia: «Squallida battuta sessista, anche le parole sono forma di violenza»

Su Facebook la senatrice Barbara Floridia ha scritto: «Questo è il post di un senatore della Lega pro ponte. Questo è il livello delle sue argomentazioni. In un periodo in cui il rispetto della donna (ma, in generale, il rispetto per tutti) sembra essere davvero l’unica strada verso una società migliore, un senatore della Repubblica utilizza un fermo immagine per una squallida battuta sessista. La cosa più triste è che sono sicura che se la stessa frase l’avesse utilizzata un mio collega maschio nessuno si sarebbe mai sognato di rileggerla in questo modo. Nemmeno il senatore Germanà che, da rappresentante delle istituzioni, dovrebbe anche nel suo modo di esprimersi dare l’esempio. Se non capiamo che anche le parole possono essere una forma di violenza non riusciremo mai a cambiare le cose».

Post sessista del senatore della Lega Germanà contro la collega del M5s Floridia poi le scuse
Il plastico del progetto del Ponte sullo Stretto (Imagoeconomica).

Germanà si è scusato: «Post fatto da un collaboratore senza autorizzazione»

Nei commenti, è immediatamente intervenuto Nino Germanà. Il senatore ha fatto un passo indietro: «Porgo le mie scuse alla senatrice Barbara Floridia con la quale ho anche un ottimo rapporto. Purtroppo, il post è stato fatto da un collaboratore, che non aveva la mia autorizzazione a pubblicare. Sono desolato per l’accaduto e rinnovo le mie scuse. Preciso che ho rimosso il post immediatamente e personalmente appena l’ho visto, perché mi ha ripugnato, prima che fosse diffuso, attaccando giustamente il contenuto». Germanà nei giorni precedenti al corteo ha attaccato anche il WWF scrivendo che «non gli resta che attaccarsi all’uccello…». In riferimento è a un post dell’organizzazione sulla possibile violazione del Ponte delle direttive su habitat e migrazioni.