Politica

Retroscena, potere, analisi e protagonisti: la politica letta attraverso la lente di Tag43.

L'arresto di Messina Denaro, le intercettazioni, Nordio e Maigret
Maigret tout...
Contro l'abuso delle intercettazioni, non per la loro cancellazione, si batte il ministro della Giustizia Carlo Nordio, che sospettiamo essere un fan del celebre commissario, mentre negli uffici asettici della polizia giudiziaria un nerd al computer che compone l'identikit dell'assassino inchiodandolo: "Maschio, bianco, eterosessuale...". Proprio come Messina Denaro.
Il ritorno di Italo Bocchino come cantore di Giorgia Meloni
Made in Italo
Ex missino, aennino e poi futuroliberista, Bocchino è tornato in tv nelle vesti di cantore del melonismo. Portando in dote alla nuova destra bon ton e aplomb da primo della classe. Caso vuole che la riesumazione mediatica sua e di Fini sia avvenuta per mano di due colonne del giornalismo di sinistra: Gruber e Annunziata.
Crosetto, Twitter e il senso delle istituzioni
Crosetto o scherzetto?
Saranno le radici Dc, fatto sta che il ministro della Difesa vuole piacere a tutti, a destra e a sinistra. E su Twitter rivendica persino il diritto-dovere alla leggerezza nei momenti di relax. Perché, sostiene, le istituzioni vanno vissute e non interpretate. Un po' come Salvini, quindi. Meglio farebbe a ispirarsi a Draghi. Per la comunicazione, si intende.
I rapporti tra Ucraina e Nato e le conseguenze sulla guerra 45
Codice atlantico
Da un lato la Nato sostiene l'Ucraina con armi, logistica e intelligence. Dall'altro difficilmente l'ex repubblica sovietica entrerà a farne parte ufficialmente. Il rischio di uno scontro diretto con Mosca è troppo alto e non conviene a nessuno. Così Kyiv resta in un limbo dal quale difficilmente uscirà intatta come sogna Zelensky.
Davos, l'assenza di Giorgia Meloni è un autogol per l'Italia
Va' Davos ti porta il cuore
In Svizzera è in corso il World economic forum, ma non c'è la nostra premier. Forse per via della narrazione di destra e un po' complottista che lo ritiene un ritrovo di “poteri forti”. Ma questa posizione anti-mondialista fa perdere all'Italia opportunità di business. Come gli investimenti nei chip. Quando l'ideologia danneggia il commercio.