Politica

Retroscena, potere, analisi e protagonisti: la politica letta attraverso la lente di Tag43.

il crollo della lega di salvini al nord
Polo Nord
Piacenza, Como, Crema, Verona, Lodi. Il drastico calo di consensi della Lega a favore di Fratelli d'Italia nelle tradizionali roccaforti preoccupa governisti e vecchia guardia del partito. Che ora vedono le prossime elezioni al Pirellone come decisive per le sorti di Salvini.
Il campo largo di Letta divide il Pd: una mappa
Via dal campo
Letta insiste per un'alleanza con M5s e centristi. Ma il Pd è diviso. Base riformista è contro Conte, Orfini spinge per correre in autonomia e i franceschiniani, più attendisti, escluderebbero volentieri la sinistra di Fratoianni.
La disfatta di Salvini e Conte alle Amministrative preoccupano Draghi
Patadrag
Il flop di Salvini e lo sfarinamento di Conte alle Comunali pesano come un macigno sul governo. I dolori per Draghi cominceranno in autunno, al momento di mettere giù la finanziaria. Ma un'eventuale spallata metterebbe nei guai sia il Capitano sia l'ex avvocato del popolo.
UE parla Mario Draghi tornerà al Meeting di Rimini
Il premier veste piada
Dopo due anni Mario Draghi tornerà al Meeting agostano di Rimini. Nel 2020 l'allora presidente della Bce pronunciò davanti alla platea ciellina un discorso da molti interpretato come il manifesto del suo futuro governo. Ma ora la situazione è cambiata: la pandemia, poi la guerra, il rischio recessione e una maggioranza che fatica sempre più a convivere ne hanno logorato l'azione.
Cinque referendum sulla giustizia giusta, le ragioni e i misteri di un flop
Gli incompresi
Con un titolo tra Kieslowski e poliziottesco Anni 70 e una star come Salvini il flop di Cinque referendum sulla giustizia giusta era prevedibile. Resta però il mistero di come il pubblico trovi più attraenti il sequenziamento dei virus e il conflitto fra i patriarcati di Mosca e Kyiv che il funzionamento della giustizia italiana.
verona, la rivincita della Liga veneta contro Salvini
Non è l'Arena
La Liga veneta si è presa la rivincita e a Verona ha punito Salvini che ora è in un cul de sac. Al ballottaggio con Tommasi andrà Sboarina, espressione di FdI. Eppure la sua leadership per ora non traballa: nel partito mancano alternative e i governatori Zaia e Fedriga restano alla finestra, in attesa uno delle mosse dell'altro.
Perché il Pd di Letta pur non trionfando alle Comunali può dirsi soddisfatto
Enrico manoletta
Pur non avendo trionfato, il segretario del Pd esce da questa tornata elettorale rafforzato. Questo grazie al basso profilo e soprattutto dalle difficoltà di Salvini. E nonostante la defaillance a Genova e Palermo, il progetto giallorosso continua.