Mondo

Analisi, scenari, protagonisti e i legami delle potenze internazionali con il nostro Paese.

Perché la Germania non vuole e non può tagliare i ponti con la Russia
Germania anno zar
Il blocco del gas russo causerebbe un crollo di oltre il 10 per cento del Pil tedesco. Per questo Berlino non intende tagliare definitivamente i ponti con Mosca. Anche per evitare di stravolgere gli equilibri europei e transatlantici.
Guerra in Ucraina, perché la Romania è un alleato ideale per gli Usa
Romania mia
La presenza del presidente Iohannis a Kyiv insieme con Draghi, Macron e Scholz non era casuale. Bucarest rappresenta la nuova Europa, più dura nei confronti di Mosca e più vicina a Washington. Di cui ora più che mai è alleata strategica.
Il rebus ucraino che continua a dividere l'Occidente
Kyiv va là!
Al quarto mese di guerra, l'Occidente è ancora confuso e diviso. Londra vuole attaccare Putin, l'Europa temporeggia offrendo a Zelensky l'ingresso nell'Ue. Mentre Washington dovrà cercare una via d'uscita. Nessuno però sembra capire che il fattore tempo non preoccupa il Cremlino.
l'escalation tra usa e cina nell'indo pacifico
Intenzioni poco pacifiche
Il braccio di ferro tra Washington e Pechino su Taiwan, l'attivismo degli Usa e le rivendicazioni della Cina nella regione rischiano di innescare un nuovo conflitto. L'escalation, insieme alla minaccia nordocoreana, preoccupa il Giappone che ha avviato uno storico piano di riarmo. Lo scenario.
Chi sono gli oligarchi ucraini in prima linea contro Putin
Tutto il buono dell'oligarca
La guerra non ha solo spinto magnati ucraini come Victor Pinchuck e Rinat Akhmetov, patron di Azovstal, a schierarsi apertamente contro Putin. Ma ha portato anche a una tregua interna tra Zelensky e i nemici Poroshenko e Kolomoisky. Almeno per ora.
Perché l'attivismo dell'ambasciatore Melnyk può danneggiare Kyiv e i rapporti tra ucraina e germania
Ambasciatore porta pena
Ha attaccato Merkel per i rapporti con la Russia e Scholz per la prudenza nell'inviare armi. E mentre rimproverava alla Germania di aver dimenticato il suo passato, calava un velo sul fascismo e l'antisemitismo ucraini esaltando Bandera e l'Azov. Un attivismo, quello di Melnyk, che alla lunga potrebbe rivelarsi controproducente per Kyiv.
i problemi della via della seta nel sudest asiatico
Cintura nera
Le prospettive a lungo termine della Belt and Road Initiative nel Sud est asiatico sono incerte. La pandemia e i timori per l’impatto ambientale e sociale delle opere rischiano di complicare lo sviluppo dei progetti di Pechino nella regione. Senza contare la sfida con gli Usa nell'area.
La Russia, l'Ucraina e la guerra generazionale
L'età dell'odio
Quello tra Russia e Ucraina è anche uno scontro generazionale e di modelli di leadership. Da una parte Putin e i siloviki cresciuti sotto Breznev, dall'altro Zelensky e i suoi che hanno respirato le speranze della Perestroika. Una battaglia interna alla stessa Federazione, dove la cosiddetta Gen X è stata tagliata fuori dal sistema