Placido Domingo tra flop e scandali: anche l’Italia accetti il tramonto del divo

Cesare Galla
01/09/2022

I passi falsi nei quali è incappato all’Arena di Verona aprono nel controverso finale di carriera di Plácido Domingo un nuovo capitolo. Forse quello conclusivo. Anche l'Italia si arrenda all'evidenza: il suo valore è nella storia, non più sul palcoscenico.

Placido Domingo tra flop e scandali: anche l’Italia accetti il tramonto del divo

I passi falsi di carattere artistico nei quali è incappato all’Arena di Verona a fine agosto aprono nel controverso finale di carriera di Plácido Domingo un nuovo capitolo. Forse, quello conclusivo. Vicino ormai agli 82 anni (li compirà il 21 gennaio 2023), il cantante madrileno, uno degli artisti che possono dire di avere fatto la storia delle esecuzioni operistiche nel secondo Novecento, rischia di vedere compromessa anche la sua ultima immagine, quella di fenomeno del canto sul quale il passare del  tempo non ha effetto alcuno. Un “Highlander” della lirica, come pochissimi altri nella storia. La cui leggenda, paradossalmente, si allargherebbe se trovassero conferma i dubbi talora avanzati – anche da parte di studiosi autorevoli – sulla sua data “ufficiale” di nascita, che sarebbe da retrocedere di qualche anno.

Il declino artistico del divo è tema ormai sdoganato (ma non in Italia)

A giudicare dalle reazioni, le due recenti serate areniane hanno incrinato forse irreparabilmente questa favola. Mediaticamente, il tema del declino artistico di Plácido Domingo appare ormai sdoganato. Anche nella parte del Pianeta che finora non ha cessato di aprirgli le porte dei teatri e di acclamarlo nonostante i pesanti incidenti di percorso extra-musicali – leggi le numerose e circostanziate accuse di “comportamenti sessualmente inappropriati” – che dal 2019 hanno portato al suo bando dai palcoscenici americani. Ancora fino a pochi mesi fa, in Italia il discorso critico su Domingo appariva se non sempre entusiasta, quanto meno evasivo. Il suo passaggio dai ruoli tenorili (che ne avevano fatto la fama per mezzo secolo) a quelli baritonali aveva sì sollevato a partire dal 2009 sparse perplessità e qualche riserva, ma non tali da incrinare il giudizio complessivo sul divo.

Placido Domingo tra flop e scandali: anche l'Italia accetti il tramonto del divo
Placido Domingo a Buenos Aires, il 10 aprile 2022 (Getty Images).

Il flop delle due serate all’Arena

Il mutamento di narrazione è parso evidente dopo la Verdi Opera Night del 25 agosto in Arena. Lo spettacolo consisteva nell’esecuzione di tre atti di opere verdiane (Aida, Don Carlo e Macbeth). La prova di Domingo, che verso la fine ha dato forfait per un dichiarato abbassamento di voce, è stata recisamente bocciata da molti addetti ai lavori. «La voce non esiste più», ha chiosato Alessandro Cammarano, direttore del magazine on line Le Salon Musical, in un articolo intitolato “Quel che resta di Domingo”. Ventiquattr’ore più tardi, il musicista madrileno ha diretto la Turandot di Puccini, secondo il format spesso adottato in Arena: un’esibizione come cantante e una come direttore. Uno dei critici presenti l’ha definita la peggiore serata del festival 2022, ma bastano le cronache a dare il senso di un evento sconcertante, salvato solo dalla professionalità dei cantanti, dell’orchestra e del coro, che hanno mandato in porto lo spettacolo nonostante la guida incerta e confusa di chi stava sul podio. E le cronache raccontano che alla fine l’orchestra, per protesta, ha rifiutato l’invito di Domingo ad alzarsi per ricevere l’applauso del pubblico. Sono seguiti adirato comunicato sindacale della Cgil e prese di posizione di altre sigle sindacali, con ampio risalto mediatico. L’attenzione è stata posta specialmente sul già annunciato ingaggio di Domingo in Arena per il 2023. La proposta di “mediazione” della Cgil, viste le controversie non solo artistiche sul personaggio, appare quanto meno singolare. L’idea sarebbe che se proprio non si può farne a meno, la serata-Domingo diventi un “tributo” nei suoi confronti, ma senza il suo personale intervento come cantante e/o direttore. Viene da chiedersi se il cantante accetterebbe una simile soluzione.

Placido Domingo tra flop e scandali: anche l'Italia accetti il tramonto del divo
Placido Domingo a Siviglia nel 2021 (Getty Images).

La sovrintendente Gasdia fedelissima del mito-Domingo nell’occhio del ciclone

Per Damiano Tommasi, neo-eletto sindaco di centrosinistra di Verona e in quanto tale presidente del Consiglio di indirizzo della Fondazione Arena, è la prima gatta da pelare in un “asset” strategico come quello del festival lirico, che garantisce ogni estate un indotto superiore al mezzo miliardo di euro (parlando della situazione pre-pandemia). La sovrintendente Cecilia Gasdia, vicina a Fratelli d’Italia, ormai prossima alla scadenza del suo incarico quinquennale (è stata nominata da Franceschini nel gennaio 2018, su indicazione dell’allora sindaco di destra Federico Sboarina), rischia di finire nell’occhio del ciclone per la sua irremovibile fedeltà al mito-Domingo, ormai a rischio di bassa qualità anche se finora la risposta del pubblico è sempre stata rilevante. Una fedeltà che ha visto il cantante spagnolo diventare negli ultimi anni, al netto della pandemia, una presenza fissa del festival estivo, mentre in precedenza le sue partecipazioni, dopo lo storico debutto del 1969 proprio in Turandot, erano molto meno frequenti.

Gli scandali sessuali e la chiusura del mondo operistico Usa

Domingo era una delle stelle in Arena anche nell’estate del 2019, quando infuriava lo scandalo per i suoi presunti “comportamenti sessualmente inappropriati” e con “abuso di potere” nei confronti di numerose cantanti. Una vicenda rispetto alla quale resta agli atti il risultato di un’inchiesta condotta dal sindacato American Guild of Musical Artists, secondo la quale 27 persone hanno confermato le accuse nei confronti del cantante. Che prima aveva ammesso, scusandosi, poi aveva negato, e comunque aveva dovuto subire la drastica chiusura nei suoi confronti da parte del mondo operistico americano, dov’era in posizione preminente specialmente a Washington e a Los Angeles. A Verona, Gasdia aveva definito «chiacchiere» queste accuse. E tale posizione era ed è comune fra le istituzioni musicali italiane: nel Belpaese il suo glamour è sempre andato oltre le questioni del cosiddetto Me too, con applauditissime presenze in numerosi e importanti cartelloni, Scala inclusa.

Placido Domingo tra flop e scandali: anche l'Italia accetti il tramonto del divo
L’articolo di Michael Andor Brodeur sul Washington Post.

Resta da capire se la nuova storiaccia in cui è spuntato il suo nome proprio pochi giorni prima delle serate areniane (nell’ambito di un’indagine su una setta criminale argentina che avrebbe utilizzato varie donne come schiave del sesso) avrà qualche peso nelle prossime scelte di sovrintendenti e direttori artistici di casa nostra, finora lontanissimi dal rigore americano. Non ne ha avuto nessuno a Verona, dove il silenzio da parte della Fondazione Arena è stato assoluto, nonostante le prese di posizione polemiche anche su quest’ultima vicenda non siano mancate, con interventi di associazioni femministe e di partiti politici e appelli al sindaco. Proprio una settimana prima dello “splash down” in Arena, invece, il critico musicale del Washington Post, Michael Andor Brodeur, aveva parlato alto e chiaro con un intervento durissimo fin dal titolo: “I giorni di Plácido Domingo come interprete dovrebbero finire”. L’articolo era peraltro molto duro anche nei confronti delle istituzioni musicali che continuano a ingaggiare il cantante in Europa, in Medio Oriente e in America Latina. Fra quelle citate, l’Arena.

Placido Domingo tra flop e scandali: anche l'Italia accetti il tramonto del divo
Domingo a New York nel 2018 (Getty Images).

Il valore di Placido Domingo è nella storia, non più sui palcoscenici

Se però è ormai evidente l’esistenza di un grosso problema artistico, come è emerso nelle due apparizioni veronesi, il radicalismo americano finisce per diventare fine a se stesso. Pragmaticamente parlando, il declino del divo ha come punto di arrivo la sua auspicabile uscita di scena. Un evento che non risolverebbe le problematiche individuali di chi si ritiene vittima di comportamenti inappropriati, ma almeno risponderebbe a quelle pubbliche e generali di opportunità e di qualità. Il valore artistico di Plácido Domingo è nella storia, ma oggi non è quasi più sui palcoscenici. Prenderne atto farebbe bene a lui, agli appassionati, alle istituzioni musicali. A queste ultime, specialmente in Italia, il compito più importante: accettare il fatto che le stelle prima o poi tramontano, e agire con la consapevolezza che gli incassi sono importanti, ma la musica lo è di più.