Pd, Schlein ci prova: «Partecipo al congresso, ma non da sola»

Redazione
11/11/2022

La parlamentare ed ex vicepresidente della Regione Emilia Romagna ha intenzione di correre per la segreteria del Partito Democratico: «Non sto a guardare». Ma chiama a raccolta tutte e tutti per un percorso unitario.

Pd, Schlein ci prova: «Partecipo al congresso, ma non da sola»

Elly Schlein si prepara a concorrere per la segreteria del Pd e lo fa aderendo al congresso «con grande piacere». L’ex vicepresidente della Regione Emilia Romagna ha le idee chiare e ha deciso di dare inizio al proprio percorso, purché sia «collettivo, con tante e tanti» al suo fianco. Lo ha annunciato in una lunga diretta Instagram in cui ha dichiarato: «Non resto a guardare. C’è già una nuova classe dirigente che aspetta una opportunità. Forse è proprio questa. Ascolterò le tante reti che ci sono in questa società. Non è oggi il momento di avanzare corse solitarie, ma è il momento di costruire una visione collettiva insieme. Diamoci un appuntamento. Riconciliamoci con i mondi fuori che non si sono sentiti accolti».

Pd, Schlein ci prova: «Partecipo al congresso, ma non da sola». L'ex vicepresidente dell'Emilia Romagna punta alla segreteria
Elly Schlein (Facebook)

Schlein: «Aderisco, ma non da sola»

La parlamentare su Instagram è chiara e invoca il supporto di tante e tanti: «Finora non ho voluto alimentare un processo troppo schiacciato sui nomi. Ho visto anche il mio nome circolare e ho parlato con tante e tanti di voi di cosa serve per sciogliere i nodi irrisolti e le contraddizioni di questi anni. Io trovo molto significativa l’apertura di un processo costituente e ricostituente del Pd dopo la botta delle elezioni. E’ un gesto non scontato. Ora non serve solo una frettolosa corsa a cambiare il gruppo dirigente, ma una riflessione larga e aperta su cosa vogliamo diventare. A me interessa aderire a questo percorso per portare un contributo di proposte. Non certo da sola, ma con tante e tanti altri che hanno condiviso queste proposte».

Le parole di Schlein: «Vivere il cambiamento»

Schlein prosegue: «Io non ho mai creduto che le traiettorie individuali possano cambiare le cose, sono le traiettorie collettive che contano. Affolliamo questo percorso, dobbiamo essere parte del cambiamento. Qui si apre una occasione nuova. Nove anni fa non ci fu l’apertura e l’intelligenza di fare autocritica, per riconnettersi con i bisogni essenziali delle persone. Se si apre una opportunità di questo tipo che facciamo? Stiamo a guardare? Io credo di no. Dobbiamo rimettere in discussione tutto. L’unico modo per riuscirci è vivere questo cambiamento. Serve una casa comune».

Pd, Schlein ci prova: «Partecipo al congresso, ma non da sola». L'ex vicepresidente dell'Emilia Romagna punta alla segreteria
Una foto di Elly Schlein durante la campagna elettorale (Facebook)

Schlein sulle cooptazioni: «Sempre rifiutate»

«Scalziamo quelle dinamiche di cooptazione che abbiamo visto spesso», ha poi concluso Elly Schlein. «Tra le tante ricostruzioni alcune mi hanno fatto sorridere. In questo Paese ancora si fa fatica a pensare che una donna possa farsi strada senza che ci sia un uomo che la spinge da dietro. Finora ho sempre rifiutato la cooptazione, non le seguirò certo adesso. C’è già una nuova classe dirigente, se le si da una occasione. Forse è proprio questa».