Pasquetta nell’arte: cinque mostre da Venezia a Napoli

Stefania Romani
09/04/2023

Carpaccio al Palazzo Ducale di Venezia, i Macchiaioli alla Villa Reale di Monza, Andy Warhol al MaGa di Gallarate, Felice Casorati a Mamiano di Traversetolo e Picasso e l'antico al Mann di Napoli. Cinque mostre per una Pasquetta all'insegna del bello.

Pasquetta nell’arte: cinque mostre da Venezia a Napoli

L’arte e il bello sono sempre un toccasana e aiutano a ricaricare le pile. Anche a Pasquetta. Se tra un pranzo e una gita fuori porta, avete intenzione di farvi una scorpacciata di capolavori, Tag43 vi suggerisce cinque mostre per tutti i gusti: dal Carpaccio a Picasso, passando per i macchiaioli, Andy Warhol e Felice Casorati. Tutte in splendidi musei.

La Venezia del Carpaccio a Palazzo Ducale

In Laguna torna il Carpaccio, artista di spicco del Rinascimento veneziano, al quale la Serenissima una sessantina di anni fa dedicò la mostra che ispirò Giuseppe Cipriani, patron dell’Harry’s Bar, nella creazione dell’omonimo piatto. Ora le sue opere sono esposte a Palazzo Ducale. La mostra traccia lo sviluppo della pittura carpaccesca anche grazie a disegni autografi del pittore, come si legge nel sito di Palazzo Ducale, «autore del più ampio corpus sopravvissuto di disegni “di studio” del primo Rinascimento». Essi rivelano la singolare immaginazione di Carpaccio, il rigore della sua tecnica nonché i suoi interessi per la prospettiva, la natura, la luce. Fino al 18 giugno (palazzoducale.visitmuve.it).

Pasquetta nell'arte: cinque mostre da Venezia a Napoli carpaccio
Un dettaglio di Caccia in valle del Carpaccio.

I Macchiaioli in scena a Monza

All’Orangerie della Villa Reale di Monza, fino al 21 maggio è possibile visitare la mostra “I Macchiaioli e l’invenzione del Plein air tra Francia e Italia”, che con l’esposizione di 90 opere ripercorre le vicende di uno dei movimenti artistici più importanti della scena culturale italiana, sviluppatosi nella seconda metà dell’Ottocento. E che che con le sue ricerche pittoriche d’avanguardia ha per molti aspetti anticipato, con sorprendente modernità, l’impressionismo francese. Presenti opere di Telemaco Signorini, Giovanni Fattori, Giuseppe Abbati, Silvestro Lega, Vincenzo Cabianca, Raffaello Sernesi, Odoardo Borrani, in dialogo con quelle di alcuni dei rappresentanti della Scuola di Barbizon, quali Camille Corot, Charles-François Daubigny, Constant Troyon, Théodore Rousseau (www.vidicultural.com).

Pasquetta nell'arte: cinque mostre da Venezia a Napoli carpaccio
Il soldato a cavallo di Giovanni Fattori.

Il MaGa di Gallarate celebra Andy Warhol

Non è stato solo il padre della Pop Art. Ma anche fotografo, illustratore, produttore. E tanto altro. Parliamo di Andy Warhol, a cui il MaGa di Gallarate, provincia di Varese, dedica 5 mila metri quadri di spazio espositivo e oltre 200 pezzi iconici. Tra disegni pubblicitari, serigrafie e ritratti di celebrità come Marilyn Monroe e Jackie Kennedy. Fino al 18 giugno (www.museomaga.it).

Pasquetta nell'arte: cinque mostre da Venezia a Napoli carpaccio
Marilyn Monroe, serigrafia.

Alla scoperta di Casorati a Mamiano di Traversetolo

Una splendida villa padronale, circondata da un ampio parco, è la sede della Fondazione Magnani Rocca che ospita una retrospettiva su Felice Casorati a Mamiano di Traversetolo, in provincia di Parma. Con “Il concerto della pittura” oltre 60 opere, prestate da musei pubblici e collezioni private, ripercorrono il percorso dell’artista, al centro della scena figurativa italiana nel XX secolo. Fino al 2 luglio (www.magnanirocca.it).

Pasquetta nell'arte: cinque mostre da Venezia a Napoli carpaccio
Le signorine di Felice Casorati (1912).

Picasso e l’antico a Napoli

Nel 1917 Pablo Picasso soggiornò a Napoli due volte, nel corso del suo viaggio in Italia a seguito dei Ballets Russes. Fu un’esperienza che segnò il maestro catalano, colpito soprattutto dall’incontro con l’antico a Pompei e al Museo Nazionale di Napoli, custode dei giganteschi Ercole e Toro Farnese. Notevole fu l’impatto di questa esperienza sulla sua produzione come dimostrano i dipinti del “secondo periodo classico” (1917-1925) e l’opera grafica degli Anni 30, a partire dalle stampe che compongono la cosiddetta Suite Vollard (1930-1937). In occasione del cinquantenario della morte (8 aprile 1973), 43 opere di Picasso sono messe a confronto con le sculture Farnese e i dipinti da Pompei nella mostra Picasso e l’antico al Museo Archeologico Nazionale di Napoli fino al 27 agosto (mann-napoli.it).

Pasquetta nell'arte: cinque mostre da Venezia a Napoli carpaccio
Il Mann di Napoli che ospita Picasso e l’antico (da Instagram).