Troppo vicino a Pechino: il parlamento del Regno Unito chiude l’account TikTok

Redazione
03/08/2022

Alcuni deputati temevano che ByteDance, società proprietaria della piattaforma, avrebbe potuto passare dati personali al governo cinese.

Troppo vicino a Pechino: il parlamento del Regno Unito chiude l’account TikTok

Ad appena sei giorni dalla sua creazione, il parlamento britannico ha chiuso il suo account TikTok: alcuni deputati, sanzionati dalla Cina, avevano sollevato preoccupazioni sulla sicurezza dei dati, dovuti alla relazione tra la piattaforma e il suo proprietario cinese ByteDance. Un portavoce del parlamento del Regno Unito ha dichiarato: «Sulla base del feedback dei membri, stiamo chiudendo l’account TikTok pilota del parlamento britannico prima del previsto. Il profilo era stato creato per testare la piattaforma, con cui raggiungere un pubblico più giovane con contenuti pertinenti sul parlamento».

Troppo vicino a Pechino: il parlamento del Regno Unito chiude l’account TikTok, che aveva aperto sei giorni fa.
TikTok, di proprietà dell’azienda cinese ByteDance (JOEL SAGET/AFP via Getty Images)

I timori espressi da un gruppo di deputati britannici

Tra i politici firmatari della lettera che ha portato alla chiusura dell’account TikTok del Parlamento britannico ci sono Tom Tugendhat, Iain Duncan Smith e Nus Ghani. Nella lettera che prendeva di mira il conto, il gruppo di deputati si era detto «sorpreso e deluso» dalla decisione di crearlo. I vari esponenti politici hanno sottolineato che la legge sull’intelligence nazionale cinese richiede alle aziende di fornire dati alle autorità governative su richiesta, esprimendo dubbi sulle rassicurazioni di un dirigente di TikTok al parlamento nel 2021 sul fatto che i dati degli utenti non sarebbero stati condivisi da ByteDance in Cina.

Troppo vicino a Pechino: il parlamento del Regno Unito chiude l’account TikTok, che aveva aperto sei giorni fa.
La House of Lords del parlamento britannico (Eddie Mulholland – WPA Pool/Getty Images)

TikTok: «Mai fornito i dati degli utenti al governo cinese»

Da parte sua, TikTok ha effettivamente affermato di non aver mai fornito i dati degli utenti al governo cinese, sottolineando che la lettera dei deputati conteneva «imprecisioni» sulle operazioni del social media. «Sebbene sia deludente che il Parlamento non sarà più in grado di connettersi con i milioni di persone che usano TikTok nel Regno Unito, siamo pronti a offrire ogni rassicurazione ai deputati che hanno sollevato preoccupazioni e a chiarire eventuali informazioni errate relative alla nostra piattaforma».