No Green Pass, un anno di Daspo da Roma per Puzzer

Redazione
03/11/2021

Foglio di via obbligatorio e divieto di soggiorno nella Capitale per il leader dei portuali di Triste, che aveva organizzato una protesta in Piazza del Popolo.

No Green Pass, un anno di Daspo da Roma per Puzzer

Stefano Puzzer, il portuale a capo della protesta No Green Pass di Trieste, ha ricevuto il Daspo da Roma per un anno: in pratica, per i prossimi dodici mesi non potrà entrare nella Capitale. La notizia è emersa nel corso della trasmissione Fuori dal coro di Mario Giordano. Puzzer, che aveva allestito un tavolino in Piazza del Popolo, è stato portato in questura e, dopo essere stato trattenuto per cinque ore, ha ricevuto la notifica del provvedimento.

Puzzer, il Daspo confermato a Fuori dal coro

Dopo che la circostanza era stata resa nota da fonti vicine al portuale, è stato lo stesso Puzzer a confermare l’accaduto, intervenuto telefonicamente in trasmissione. «Possiamo tranquillizzare chi è a casa e anche i miei parenti. Sono stato portato in questura per accertamenti e sono stato trattato molto gentilmente e molto umanamente, anche perché hanno capito che sono una brava persona», ha detto il portuale triestino: «Mi è stato imputato che la manifestazione non è autorizzata. C’è un altro provvedimento di cui parlerò con il mio avvocato».

Puzzer, il Daspo dopo la protesta in Piazza del Popolo

Puzzer era arrivato a Roma nella mattinata del 2 novembre, per protestare contro il divieto di manifestazioni nella piazza principale di Trieste, deciso dalle autorità per contrastare l’insorgenza di un nuovo focolaio Covid nella città giuliana. «Sono in piazza del Popolo a Roma e adesso mi metterò su questo tavolino. Aspetterò che venga a parlarci qualcuno. Spero che verranno, visto che non ci ha risposto nessuno: io sono qui, mi metterò su questa panchina e aspetto che arrivino. Dai ragazzi, io sono qua e fino a quando non verrà nessuno a rispondermi rimarrò qua», aveva dichiarato in un video circolato sul web. Fonti della Questura hanno confermato il foglio di via obbligatorio con divieto di soggiorno per un anno a Roma per Puzzer, che dovrà fare rientro a Trieste entro le 21 di mercoledì 3 novembre. In caso di violazione commetterà un nuovo reato.