Netflix Games è un flop: giochi scaricati da meno dell’1 per cento di abbonati

Fabrizio Grasso
09/08/2022

Dati scoraggianti per Netflix Games. Solo 1,7 milioni di utenti rispetto ai 221 milioni di abbonati alla piattaforma streaming hanno scaricato i giochi disponibili gratis. Eppure sono in arrivo novità.

Netflix Games è un flop: giochi scaricati da meno dell’1 per cento di abbonati

Nuovo dato negativo nell’orbita Netflix. La piattaforma streaming di Reed Hastings deve far fronte a un forte insuccesso dei videogiochi gratuiti disponibili dal novembre del 2021. I dati di una recente analisi riportano infatti come solo 1,7 milioni di utenti hanno scaricato e giocato ad almeno un titolo. Si tratta di meno dell’1 per cento rispetto agli oltre 221 milioni di abbonati. Eppure la società creatrice di cult come Stranger Things non ha intenzione di mollare. Netflix Games è pronta ad accogliere nuovi prodotti grazie alla partnership con case di produzione esperte nel settore.

LEGGI ANCHE: Stranger Things 5, partita la produzione della stagione finale

Tutti i dati del flop di Netflix Games

L’ultimo report sui giochi di Netflix, pubblicato da Cnbc, è opera di Apptopia, società che si occupa di analizzare le varie app sul mercato. Ad oggi, solo 1,7 su 221 milioni di abbonati hanno scaricato almeno un titolo disponibile sulla piattaforma. Un dato pari a meno dell’1 per cento del totale, mentre i download ammontano a 23,1 milioni. Un risultato non proprio incoraggiante che, secondo Cnbc, potrebbe derivare anche dalla forte concorrenza sul mercato. Basti pensare che videogame mobile come Roblox, Among Us e Subway Surfers contano circa 100 milioni di download ciascuno. Eppure Netflix non sembra intenzionata a cambiare rotta. Di recente ha acquisito lo sviluppatore finlandese Next Games per 72 milioni di dollari e ha presentato una nuova line-up di titoli in arrivo.

«Saremo sperimentali e proveremo un sacco di cose», ha detto Greg Peters, Chief Operating Officer di Netflix a Cnbc. «Intendiamo estendere la nostra capacità di creare proprietà collegate a universi, storie e personaggi che stiamo costruendo». Secondo l’analista di Forrester Mike Proulx, la strategia di Netflix sembrerebbe più un test sperimentale che una reale mossa di marketing. Gran parte degli utenti infatti non associa ancora il colosso streaming al gaming. Tuttavia i numeri, seppur ancora lontani dall’essere soddisfacenti, sono in lieve aumento. A gennaio, Apptopia aveva registrato appena 8 milioni di download totali sull’app, dato in rialzo a giugno quando ha toccato i 13 milioni. Chi possiede un dispositivo Android può scaricare i titoli direttamente dalla piattaforma o dal Play Store, mentre gli utenti iOS devono ricorrere esclusivamente ad Apple Store.

Da Stranger Things a League of Legends, quali giochi sono disponibili sulla piattaforma

I primi giochi sono approdati su Netflix nel novembre 2021. Apripista della piattaforma sono stati cinque titoli, tra cui Stranger Things 1984. Basato sull’omonima serie tv da record, si concentra sull’esplorazione e richiede di raccogliere oggetti per proseguire nella narrazione. Diverso il caso di Stranger Things 3: The Game, che ripercorre la terza stagione fra combattimenti e livelli di varia difficoltà. Presente anche un adattamento di League of Legends e di Exploding Kittens, il celebre gioco di carte. Pochi giorni fa invece sono approdati altri nuovi titoli. Si va da Netflix Heads Up!, un party game in stile sciarada, a Rival Pirates, avventura piratesca in 3D fino a Twelve Minutes, thriller interattivo dove si deve scappare da un loop temporale. Il progetto include le voci originali di James McAvoy, Willem Dafoe e Daisy Ridley.

Dati scoraggianti su Netflix Games. Solo l’1 per cento degli abbonati ha scaricato i giochi disponibili gratis. Eppure sono in arrivo novità.
La schermata principale del gioco di Stranger Things (Twitter)