Eden tascabile

Fabrizio Grasso
21/01/2022

Moyenne, isola delle Seychelles lunga solo 400 metri, è il parco nazionale più piccolo del mondo. Grazie all'impegno di Brendon Grimshaw, editore dello Yorkshire che fino all'ultimo ha lottato per salvaguardare questo fazzoletto di terra.

Eden tascabile

Nel cuore dell’Oceano Indiano, si nasconde un paradiso naturale senza eguali. Le 115 isole delle Seychelles, tra le quali solo otto abitate permanentemente, sono una meta gettonatissima per gli amanti del verde, ma una ha un carattere speciale: Moyenne, striscia di terra lunga appena 400 metri, è il parco naturale più piccolo del mondo e deve la sua esistenza a un editore inglese, giunto dall’Africa. Ancora oggi, qui crescono migliaia di piante rare e l’isola è rifugio per alcune tartarughe di mare a rischio estinzione.

LEGGI ANCHE: Le battaglie per l’ambiente della cilena Javiera

Moyenne, fauna e flora del più piccolo parco nazionale al mondo

Come riporta la Bbc, Moyenne è una delle più piccole isole delle Seychelles. Misura appena 400 metri in lunghezza e circa 300 in larghezza, tanto che le coste di sabbia bianca si estendono per appena 2 chilometri. Il punto più alto si eleva solo per 61 metri sopra il livello del mare. Allo sguardo, grazie alla folta vegetazione, appare come uno smeraldo brillante nel cobalto delle acque, «una foresta pluviale che erutta come un vulcano dall’oceano».

Nelle Seychelles si trova l'isola di Moyenne, il parco nazionale più piccolo del mondo, nato per volontà di un editore dello Yorkshire
Una veduta dell’isola di Moyenne nelle Seychelles (Twitter)

Sotto la tutela del Moyenne Island National Park, si trovano 16 mila alberi, tra i quali mogani, palme, manghi e papaie. Gli esperti affermano che, date le ridotte dimensioni, l’isola ha più piante per metro quadrato di qualunque altro posto nel mondo. Qui vivono anche circa 50 testuggini giganti di Aldabra, specie da anni a rischio estinzione. Sono solite nidificare sulla riva, complice la scarsa presenza turistica durante l’alta stagione: non giungono mai, infatti, più di 50 persone simultaneamente e non si superano i 300 visitatori al giorno. Tutto questo è merito di Brendon Grimshaw, editore inglese che per anni ha lavorato in Africa.

Brendon Grimshaw, chi è l’uomo che ha dato vita alla riserva naturale

Grimshaw è giunto a Moyenne per la prima volta nel 1962 durante una vacanza e se ne è innamorato subito. Originario dello Yorkshire, a quei tempi lavorava come editore dei più grandi giornali dell’Africa orientale fra Tanzania ed Etiopia. A seguito di una riduzione del lavoro e per l’incombente paura della disoccupazione, decise di lasciare il paese e realizzare il suo sogno: possedere un’isola. Si ricordò dunque di Moyenne e, con una transazione di 8000 sterline, acquistò l’intero terreno. «Ho capito subito che era il posto che stavo cercando», avrebbe detto in un documentario del 2009, tre anni prima di morire. Scoprì però che comprare un’isola è molto più difficile che prendersene cura.

Nelle Seychelles si trova l'isola di Moyenne, il parco nazionale più piccolo del mondo, nato per volontà di un editore dello Yorkshire
Brendon Grimshaw, l’uomo che ha reso possibile il parco naturale di Moyenne (Facebook)

Fondamentale per la sua attività di tutela è stato Rene Antoine Lafortune, 19enne figlio di un pescatore del luogo. Il loro incontro ha segnato l’inizio di un sodalizio che ha trasformato letteralmente l’isola. I due hanno tracciato sentieri, ripulito la macchia e piantato alberi, con il solo obiettivo di dare vita a un paradiso naturale. «Voleva creare un lascito per le future generazioni», ha detto alla Bbc Suteku Patel, che ha incontrato Grimshaw negli Anni 70 e gli è stato accanto per tutta la vita. Il vero problema si è verificato nel decennio successivo, quando diversi investitori hanno rivolto lo sguardo verso Moyenne, interessati a farne una meta di turismo di massa. Grimshaw si è opposto, rifiutando offerte da capogiro che hanno toccato anche i 50 milioni di dollari. Nel 2009, con Patel ha creato un fondo fiduciario perpetuo per proteggere l’isola e, grazie a un accordo con il ministero dell’Ambiente delle Seychelles, è stato istituito il Moyenne Island National Park, attivo ancora oggi. «Il suo è stato un gesto nobile, qualcosa di incredibile», ha detto alla Bbc Isabelle Ravinia della Seychelles National Parks Authority. «Ha restituito l’isola al paese quando altri l’avrebbero svenduta pur di guadagnare. Può sembrare un folle, ma non lo è».

LEGGI ANCHE: Il cambiamento climatico mette a rischio il parco di Yellowstone

La tomba di Grimshaw fra due ignoti pirati del passato

Brendon Grimshaw è morto nel 2012 e riposa sull’isola. Ha scelto di farsi seppellire accanto a suo padre – che si trasferì lì per passare con lui i suoi ultimi anni – e due ignoti pirati. Un giorno, infatti, durante un’escursione sul lato nord di Moyenne, Grimshaw si imbatté in due lapidi sulle quali era inciso «Ignoto infelice», probabilmente appartenenti a bucanieri di epoche passate. Una leggenda racconta che le Seychelles custodiscano un tesoro di pirati ma, nonostante le continue ricerche, nessuno lo ha mai trovato. Probabilmente, il vero tesoro di Moyenne è stato proprio Grimshaw, il creatore del parco naturale più piccolo del mondo.