Beauty free

Camilla Curcio
03/02/2022

Curvy, con sopracciglio unico o il volto ricoperto di lentiggini. Da Sophia Hadjipanteli a Paulina Swantje, top model e influencer che hanno trasformato apparenti difetti fisici in opportunità, ribaltando i canoni di bellezza tradizionali e facendo fortuna.

Beauty free

Corpi ritoccati e nessuna imperfezione. Televisioni, riviste e passerelle hanno abituato il pubblico a canoni di bellezza oggettivamente difficili da raggiungere. Standard che, nel tentativo di essere emulati, possono influire negativamente sul benessere fisico e mentale delle donne. Anche per questo è da apprezzare chi riesce a trasformare la propria diversità in un valore aggiunto. E non sono poche coloro che hanno catturato l’attenzione di brand e stilisti, diventando influencer o modelle di successo.

Dieci modelle lontane dai canoni di bellezza tradizionali

Sofia Hadjipanteli, sopracciglia indomabili e beauty diversity

Classe 1997, la webstar cipriota Sophia Hadjipanteli è diventata famosa in rete per il suo folto monosopracciglio e per aver creato l’#unibrowmovement, un hashtag su Instagram che raccoglie le foto di chi sceglie di bypassare la ceretta e optare per un look naturale e selvaggio. Sovvertendo i tradizionali cliché, si divide tra la carriera di indossatrice, gli studi di marketing e le campagne come attivista della beauty diversity. 

https://www.instagram.com/p/CZXAENao_MU/

Ilka Brühl, guardare sempre il bicchiere mezzo pieno

Sfruttare la disabilità a proprio vantaggio. È quello che ha fatto la 30enne tedesca Ilka Brühl che, affetta da una rara malformazione congenita al volto (che, privandola del condotto lacrimale, le causa una continua lacrimazione dell’occhio destro) ha deciso di non nascondersi più, provando a superare i pregiudizi e il bullismo a cui era stata condannata sin da bambina. Dopo aver raccontato la sua storia per immagini attraverso una serie di scatti, oggi usa i suoi social per condividere immagini e frasi motivazionali nella speranza di aiutare chi fa fatica ad accettarsi.

https://www.instagram.com/p/CQYxRWJLWxU/

Swantje Paulina, potere alle lentiggini

Mentre molte ragazze fanno di tutto per nascondere le lentiggini, la 26enne tedesca Swantje Paulina le ha messe in mostra, trasformandole nel suo biglietto da visita. Sono diventate il particolare che case di moda e marchi intendono valorizzare quando la contattano per partnership e collaborazioni.

https://www.instagram.com/p/CXeZ4NELl25/

Drew Presta, l’altezza non fa la bellezza

Originaria del Nevada, l’indossatrice Drew Presta è affetta da nanismo, motivo per cui non supera il metro di altezza. Il desiderio di emergere nella moda e mettersi in gioco, tuttavia, l’ha spinta a lavorare duro per realizzare i suoi sogni e, oggi, tra servizi fotografici e copertine, è diventata una delle più seguite paladine della body positivity.

Mikayla Holmgren, primati indimenticabili

C’è anche chi, oltre proporre modelli estetici inclusivi, riesce addirittura a entrare nella storia. È quello che è accaduto all’americana Mikayla Holmgren che, nel 2017, ha partecipato a un concorso per l’elezione di Miss USA, vincendo il titolo di Miss Minnesota. E, soprattutto, diventando la prima ragazza affetta da sindrome di Down a riuscirci.

https://www.instagram.com/p/CYcebcalW9Z/

Tabria Majors, orgoglio curvy

La modella statunitense Tabria Majors sfoggia con orgoglio le sue forme. E, su Instagram, ha spesso criticato la politica di marchi come Victoria’s Secret perché poco inclusivi, dimostrando come il talento non sia definito dalla taglia. Uno slogan che ha incoraggiato tante donne curvy a valorizzarsi senza soffrire.

Le webstar e le modelle che combattono gli standard di bellezza
La modella Tabria Majors (Getty Images)

Lotte Zuidema, carisma da vendere

Non ha i capelli biondi e gli occhi azzurri, ha il viso tempestato di efelidi e le sopracciglia quasi invisibili. L’olandese Lotte Zuidema ha conquistato, coi suoi tratti somatici insoliti, designer e fotografi che, al di là dell’aspetto fisico, hanno trovato in lei un esplosivo concentrato di carattere e personalità. 

https://www.instagram.com/p/BnTUVy6FGpI/

Aleece Wilson, rivoluzione nell’alta moda

Dal 2017 Aleece Wilson domina alcune delle passerelle delle maison più note ed è uno dei volti più particolari e apprezzati delle Fashion Week. Un destino che si è costruita da sola sin da quando, tra i banchi di scuola, sognava di indossare abiti eleganti e gioielli luminosi. Labbra carnose, denti leggermente irregolari e occhi quasi a mandorla: sono questi i suoi punti di forza, caratteristiche a cui non rinuncerebbe mai.

https://www.instagram.com/p/CNpxowfFOwP/

Refilwe Modiselle, la prima top model albina del Sudafrica

Classe 1986, la modella e showgirl sudafricana Refilwe Modiselle vanta con orgoglio la rivoluzione di cui si è fatta portavoce, diventando la prima top model albina nella storia del Paese. Farsi accettare in un settore così poco malleabile è stato complicato ma, oggi, Modiselle vanta un curriculum di tutto rispetto che, dai fashion show, l’ha portata a debuttare anche nel mondo della musica.

https://www.instagram.com/p/CYOVkMaLZqq/

Simone Thompson, oltre le apparenze

Simone Thompson, meglio conosciuta come Slick Woods, è un’attrice e modella americana che ha fatto innamorare Marc Jacobs e Rihanna per il suo look alternativo. Capelli cortissimi, un evidente spazio fra i denti e tanti tatuaggi non le hanno impedito di finire sul calendario Pirelli, nei servizi di Vogue e nelle campagne di Calvin Klein e Miu Miu. Mettendo nero su bianco come certi stereotipi abbiano decisamente fatto il loro tempo.

Le webstar e le modelle che combattono gli standard di bellezza
Simone Thompson (Getty Images)