Lo studio: meno femminicidi dove ci sono più donne elette

Redazione
28/07/2022

È il risultato di un’analisi condotta dal Gran Sasso Science Institute: in Italia la violenza di genere è una vera emergenza.

Lo studio: meno femminicidi dove ci sono più donne elette

In Italia, dove ogni tre giorni viene uccisa una donna, la violenza di genere (con i suoi risvolti più tragici) rappresenta una vera e propria emergenza. Per poter contrastare il fenomeno e mettere eventualmente in azione delle misure adatte, è necessario capire quali sono i fattori di rischio. Ebbene, dove ci sono più donne elette, si verificano meno femminicidi. È il risultato di uno studio condotto dal Gran Sasso Science Institute.

Lo studio: meno femminicidi dove ci sono più donne elette. È il risultato di un’analisi condotta dal Gran Sasso Science Institute.
In Italia la violenza di genere è una vera emergenza (GettyImages)

Femminicidi in Italia, lo studio ha analizzato il periodo 2012-2019

Nel loro studio, pubblicato recentemente nella collana della LSE, la London School of Economics, la ricercatrice Daria Denti e la prorettrice Alessandra Faggian hanno analizzato i dati relativi ai femminicidi in Italia avvenuti dal 2012 al 2019 (il periodo della pandemia non è stato considerato in quanto caratterizzato da dinamiche specifiche). «I pregiudizi di genere influenzano sia le preferenze di voto degli elettori sia la disponibilità di potenziali candidate a partecipare alle competizioni elettorali. Come le altre norme culturali, hanno poi una forte dimensione locale», spiega Denti. «Li abbiamo misurati attraverso la percentuale delle donne elette nei consigli comunali e, attraverso il modello di regressione, abbiamo ottenuto una relazione significativa e robusta tra percentuale di donne elette e l’incidenza dei femminicidi». In sostanza più sono le donne elette nei consigli comunali, più è bassa l’incidenza di questo tipo di delitti.

Lo studio: meno femminicidi dove ci sono più donne elette. È il risultato di un’analisi condotta dal Gran Sasso Science Institute.
In Italia ogni tre giorni viene uccisa una donna (Pexels)

Femminicidi in Italia, quanto pesano i pregiudizi di genere

Lo studio ha voluto anche verificare il peso relativo dei pregiudizi di genere sui femminicidi rispetto ad altri fattori di rischio, come quelli attinenti alla sfera economica: l’analisi mostra che, anche quando si considerano le differenze salariali e occupazionali tra uomo e donna, il ruolo dei pregiudizi di genere ha l’effetto più rilevante. La relazione tra femminicidi e pregiudizi di genere non si modifica quando vengono inclusi altri fattori, come il livello di educazione e il tasso di criminalità. In ogni caso, spiegano le autrici dello studio, sono i pregiudizi di genere ad influenzare l’incidenza dei femminicidi e non viceversa. «Con i dati a disposizione è stato possibile verificare anche se l’effetto sui femminicidi dipende dal fatto che le donne sono rappresentate in ruoli più alti della amministrazione locale (sindache e assessore) oppure su larga scala nei consigli comunali. Isolando ogni categoria, abbiamo visto che è la rappresentanza politica nei consigli ad avere un effetto significativo», spiega Denti.