Martin Scorsese riceverà l’Orso d’Oro alla carriera al Festival di Berlino

Fabrizio Grasso
21/12/2023

Il regista di Taxi Driver sarà premiato il 20 febbraio 2024 durante la 74esima edizione. In Germania aveva presentato nel 1981 anche Toro scatenato. Prima di lui hanno ottenuto il riconoscimento, fra gli altri, Steven Spielberg e Claudia Cardinale.

Martin Scorsese riceverà l’Orso d’Oro alla carriera al Festival di Berlino

Ennesimo riconoscimento alla carriera per Martin Scorsese. Dopo il Leone d’oro nel 1995 e il Golden Globe nel 2010, il regista premio Oscar per The Departed riceverà anche l’Orso d’Oro onorario alla Berlinale 2024. L’autore di cult come Toro Scatenato, Taxi Driver e il recente Killers of the Flower Moon sarà protagonista di una cerimonia il 20 febbraio all’interno della 74esima edizione della rassegna, che si terrà dal 15 al 25 dello stesso mese. «Per chiunque consideri il cinema come l’arte di dare forma a una storia in modo personale e universale, Martin Scorsese è un modello ineguagliabile», hanno spiegato la direttrice esecutiva Mariëtte Rissenbeek e il direttore artistico Carlo Chatrian, che lascerà la carica proprio dopo l’edizione 2024. «È un grande piacere accoglierlo ancora una volta e dargli il nostro riconoscimento d’onore più prestigioso».

Martin Scorsese ha presentato a Berlino Toro Scatenato e Shutter Island

«I suoi film hanno accompagnato la nostra storia di spettatori ed esseri umani», hanno proseguito i due co-direttori del Festival di Berlino. «I suoi personaggi hanno vissuto e sono cresciuti dentro di noi, la sua visione dell’umanità ci ha aiutato a interrogarci su chi siamo e da dove veniamo». Nel messaggio, anche grandi complimenti per la sua ultima fatica cinematografica, Killers of the Flower Moon. «È uno dei più grandi successi», hanno dichiarato Rissenbeek e Chatrian. «Rappresenta un’offerta che riconosce la portata del terrore sperimentato dalla comunità di Osage e che potrebbe dare una sorta di conforto».

La Berlinale ha deciso di conferire l'Orso d'Oro alla carriera a Martin Scorsese. Prima di lui avevano vinto anche Spielberg e Loren.
Martin Scorsese a New York nel novembre 2023 (Getty Images).

Martin Scorsese ha presentato a Berlino numerosi suoi film, a partire da Toro scatenato, fuori concorso nel 1981. Discorso simile per Gangs of New York nel 2003 e tornato per una retrospettiva sette anni dopo. Fu invece in corsa per l’Orso d’Oro e d’Argento Cape Fear – Il promontorio della paura nel 1992, capace anche di ottenere due nomination agli Oscar per Robert de Niro e Juliette Lewis. Scorsese sarebbe tornato alla Berlinale anche nel 2008 con Shine a Light, il personale film-concerto dei Rolling Stones, che tra l’altro aprì l’edizione di quell’anno, e nel 2010 per Shutter Island con Leonardo DiCaprio e Mark Ruffalo. L’ultima volta in Germania fu nel 2014 con il documentario The 50 Year Argument per festeggiare il mezzo secolo della rivista New York Review of Books.

Orso d’Oro alla carriera, da Spielberg a Sophia Loren: gli altri vincitori

Nell’albo d’oro dei premiati della Berlinale, Martin Scorsese seguirà Steven Spielberg che si aggiudicò l’Orso d’Oro alla carriera nel 2023. Prima di lui erano saliti sul palco le attrici Isabelle Huppert e, nel 2021, Helen Mirren. Fra i registi, il festival tedesco ha assegnato il riconoscimento anche a Claude Lauzermann, Ken Loach e Wim Wenders dal 2013 al 2015. Per quanto riguarda gli italiani, hanno vinto Sophia Loren nel 1994, Claudia Cardinale nel 2002, il regista Francesco Rosi sei anni più tardi e la costumista Milena Canonero nel 2017.

La Berlinale ha deciso di conferire l'Orso d'Oro alla carriera a Martin Scorsese. Prima di lui avevano vinto anche Spielberg e Loren.
La costumista italiana Milena Canonero riceve l’Orso d’Oro alla carriera (Getty Images).