È morta Marisa Pavan, candidata all’Oscar per La rosa tatuata

Fabrizio Grasso
07/12/2023

La star del cinema italiano negli Anni 50 ritirò però il premio per Anna Magnani, che recitò nello stesso film. Sorella di Anna Maria Pierangeli, ha lavorato anche con Tony Curtis e Kirk Douglas. Si è spenta nella sua casa di Gassin, in Francia, all’età di 91 anni.

È morta Marisa Pavan, candidata all’Oscar per La rosa tatuata

Il cinema italiano piange Marisa Pavan, attrice degli Anni 50 candidata al premio Oscar per La rosa tatuata. La star del grande schermo è morta nella sua abitazione di Gassin, non lontano dalla francese Saint-Tropez, ma non sono note le cause del decesso. Aveva 91 anni e una lunga carriera alle spalle. Nel capolavoro del 1955 diretto da Daniel Mann interpretò la testarda Rosa delle Rose, la figlia di Serafina che aveva il volto di Anna Magnani, poi vincitrice della statuetta per l’Academy. Sorella gemella di Anna Maria Pierangeli, Golden Globe per Teresa, in carriera ha recitato al fianco di Marcello Mastroianni, Kirk Douglas e Gregory Peck.

Marisa Pavan, candidata all'Oscar per La rosa tatuata, è morta a 91 anni in Francia. In carriera ha recitato anche con Mastroianni e Douglas.
Marisa Pavan con la sorella Anna Maria e Debbie Reynolds a Roma nel 1963 (Getty Images).

Marisa Pavan, la carriera dell’attrice de La rosa tatuata

Originaria di Cagliari, dove nacque il 19 giugno 1932 con il nome di Maria Luisa Pierangeli, Marisa Pavan era figlia di un architetto e una casalinga che sognava di fare l’attrice. «Mia madre adorava Shirley Temple», ha detto la stessa star nella biografia della gemella Pier Angeli: A fragil life del 2002. «Portava me e Anna Maria a vedere tutti i suoi film e ci ha persino fatte vestire come lei». Ancora bambina, si trasferì a Roma con la sua famiglia. Qui la sorella, scoperta da Vittorio De Sica, ottenne una parte in Domani è troppo tardi all’età di soli 16 anni, guadagnandosi l’attenzione dei riflettori americani. Seguendola negli States, nonostante non avesse alcuna esperienza nella recitazione, Marisa debuttò nel film di John Ford Uomini alla ventura e due anni dopo recitò nel western Rullo di tamburi.

Pur non avendo vinto l’Oscar per La rosa tatuata, Marisa Pavan salì comunque sul palcoscenico durante la cerimonia. Fu lei infatti a ritirare il premio come miglior attrice per Anna Magnani, che era rimasta a Roma per scaramanzia. Negli Anni successivi ottenne diverse parti nel cinema accanto a grandi star internazionali come Tony Curtis, con cui apparve in Mezzanotte a San Francisco nel 1957. L’anno precedente fu anche nel cast di Diana la cortigiana con Lana Turner e Roger Moore. Con Marcello Mastroianni e Catherine Deneuve recitò invece in Niente di grave, suo marito è incinto di Jacques Demy del 1973. L’ultima apparizione sul grande schermo risale all’anno seguente con Antoine et Sebastien, dato che dopo si dedicò principalmente alla tivù. Recitò in quattro episodi de I boss del dollaro con Kirk Douglas e in una puntata di Wonder Woman con Lynda Carter.

La morte della sorella e il matrimonio con Jean-Pierre Aumont

Quanto alla vita privata, Marisa Pavan perse sua sorella gemella all’età di 39 anni. Anna Maria Pierangeli fu trovata morta nel 1971 per overdose di barbiturici in un appartamento di Beverly Hills. Ex fiamma di James Dean ed ex moglie di Vic Damone, cadde in uno stato depressivo che ne segnò profondamente la salute. Come ha ricordato l’Hollywood Reporter, non fu mai chiarito se morì per suicidio oppure per un’errata prescrizione del medico. Marisa Pavan, dal canto suo, sposò l’attore francese Jean-Pierre Aumont nel 1956, rimanendogli accanto fino alla morte nel 2001. Dalla loro unione nacquero i figli Jean-Claude e Patrick, che crebbero assieme a Tina, figlia di Aumont avuta nel suo primo matrimonio.