Ti ho desiderato al Lystante

Redazione
19/07/2021

La piattaforma che aggrega milioni di prodotti in vendita sugli e-commerce di moda ha stilato la classifica degli accessori più richiesti e dei marchi più gettonati. Tutti pazzi per occhiali da sole, cappelli da pescatore e costumi interi.

Ti ho desiderato al Lystante

La pandemia continua a condizionare buona parte della nostra quotidianità, e a risentirne è anche lo shopping. A darci una dimensione di come i consumi reagiscano allo stravolgimento delle abitudini, ci pensa il Lyst Index. Ogni quattro mesi, un report prova ad analizzare le ricerche fatte dagli utenti su Lyst, la piattaforma che aggrega milioni di prodotti in vendita sugli e-commerce di moda di tutto il mondo. L’ultimo fotografa la situazione da aprile a giugno 2021, stilando due classifiche: da un lato, quella dei brand più gettonati, dall’altro quella dei prodotti più richiesti.

Da Gucci a Prada, la classifica delle griffe più amate celebra l’Italia

Quanto al ranking dei marchi più in voga, poco è cambiato rispetto all’inizio di quest’anno. Gucci continua a tenersi stretta la medaglia d’oro per il quarto trimestre consecutivo, grazie anche all’impatto mediatico dell’ultima collezione realizzata in partnership con Balenciaga in occasione del centenario della maison fiorentina. Molto hanno fatto anche le numerose campagne pubblicitarie allestite dal brand che, in più occasioni, hanno coinvolto nomi in vista del mondo dello spettacolo come l’attrice Dakota Johnson, il cantante Harry Styles e il conduttore James Corden. Da non dimenticare, ovviamente, l’influenza dei social: sono stati diversi i content creator che hanno esibito con orgoglio t-shirt e accessori col monogramma della doppia G, tanto da renderla la griffe più amata anche su TikTok. Al secondo posto, invece, spicca Dior. La casa di moda di Maria Grazia Chiuri abbandona il terzo gradino del podio per merito della risonanza della suggestiva sfilata della collezione Cruise 2022, resa ancora più magica dalla scelta del Partenone come location. Nike rimane fissa al terzo posto, mentre Louis Vuitton e Prada entrano ufficialmente nella top 5, conquistandosi rispettivamente la quarta e la quinta posizione.

La prima, spinta da testimonial d’eccezione come i BTS, stelle del k-pop, la seconda da influencer che, soprattutto su Instagram, hanno contribuito a pubblicizzare con efficacia le ultime novità. Stabili Bottega Veneta e Saint Laurent all’ottavo e nono posto, mentre Versace risale al decimo per il traino del Pride Month (cui la casa italiana ha dedicato una collezione insieme a Lady Gaga). Nessuna grossa novità nella seconda metà della lista, se non l’ingresso del designer Rick Owens al ventesimo posto, probabilmente per la sua partnership con Birkenstock.

https://www.instagram.com/p/CPypdi8qPe9/

Vestiti, costumi e occhiali da sole: i prodotti più cercati 

La lenta ripresa degli eventi in presenza e il ritorno dei viaggi ha automaticamente innescato un incremento degli acquisti, come dimostrato dal ranking dei prodotti più richiesti. Tra gli articoli più cercati, spiccano vestiti, occhiali da sole e costumi da bagno, le cui ricerche, rispetto allo stesso periodo del 2020, sono aumentate del 371 per cento, del 198 per cento e del 192 per cento. Un fenomeno probabilmente agevolato anche dall’esempio di celebrità e trendsetter che, tra red carpet ed eventi mondani, hanno ispirato i look delle “fashion victim” più attente e fedeli. Richiesti i costumi interi a fantasia marina di Versace e le mini bag di Bottega Veneta amate dalle star di Hollywood, ma anche la gonna zebrata The Attico indossata da Dua Lipa, il vestito a fiori Rodarte della cantante Selena Gomez o le bianchissime Nike Air Force che, da pezzo vintage, sono ritornate sulla cresta dell’onda soprattutto grazie alla Generazione Z. Tra i trend più virali dei social, invece, fanno la loro comparsa anche il bucket hat a fantasia (classico cappello da pescatore), le magliette personalizzate e i top interamente realizzati in jeans. Da non sottovalutare l’impatto della moda gender fluid che si è fatta notare soprattutto nell’abbigliamento maschile, innalzando gonne plissettate e borse da passeggio al rango di must have. Il trend più chiacchierato rimane, però, quello delle ciabatte in gomma: dall’haute couture al fast fashion, nessuno ha perso l’occasione per proporne la propria versione, in una gamma di modelli per tutti i gusti, per tutte le età e per tutte le tasche.

https://www.instagram.com/p/CKC29gRDTUM/

Quale futuro per la moda del post Covid?

Ma quale sarà il futuro della moda e degli acquisti nel post pandemia? Impossibile prevederlo. Quel che è certo è che il settore continuerà ad evolversi rapidamente e che il digitale rimarrà uno dei grandi protagonisti della scena, tanto in termini di costruzione delle strategie dei vari marchi quanto, soprattutto, in termini di business. Molte sfilate rimarranno in streaming o a capienza limitata, le settimane della moda continueranno a definirsi in corsa, tra le diserzioni dei nomi storici e i primi passi degli emergenti, e lo shopping online potrebbe arrivare a superare quello fisico, con la possibilità di godere di esperienze in 3D quasi realistiche, spostandosi da una capitale all’altra senza abbandonare il comfort della propria poltrona.