Campovolo, in vendita i nuovi biglietti del concerto del Liga

Redazione
03/11/2021

Il 4 giugno 2022 si terrà l'evento 30 anni in un nuovo giorno e arrivano online i nuovi biglietti del concerto

Campovolo, in vendita i nuovi biglietti del concerto del Liga

Forse è la volta buona. Dopo due anni di rinvii e spostamenti a causa della pandemia il 4 giugno 2022 si terrà l’evento 30 anni in un giorno, la festa concerto per celebrare i 30 anni di carriera di Luciano Ligabue. Visto che sono passati 24 mesi dal trentennale il Liga ha ribattezzato il concertone 30 anni in un Nuovo giorno auspicando che per tutti il 2022 sia l’anno della rinascita.

Ligabue, in vendita altri biglietti per Campovolo

Oggi arriva poi la notizia che è stata ampliatala capienza della Rcf Arena di Reggio Emilia, meglio conosciuta come Campovolo. La nuova capienza dell’Arena è di 103.195 spettatori. La struttura verrà inaugurata proprio il 4 giugno 2022 in occasione dell’evento 30 Anni in un nuovo giorno

Visto l’aumento della capienza l’organizzazione ha deciso di mettere a disposizione nuovi biglietti. I ticket saranno disponibili dalle ore 16 del 4 novembre su ticketone.it e ticketmaster.it. Il concerto era già da tempo sold out con 100mila biglietti venduti, ma adesso è possibile acquistare quelli aggiunti per la nuova capienza. Per info: friendsandpartners.itligabue.com e rcfarena.com.

Liga sta vivendo un momento d’oro. In occasione dei 30 anni di carriera aveva pubblicato la raccolta 7 contenente altrettanti cd che raccoglievano il meglio delle sue canzone più una raccolta di inediti di sette nuove canzoni.

Da Rayplay a Campovolo, il ritorno del Liga

Il 12 ottobre, poi, su RaiPlay è stata distribuita la miniserie in 7 episodi Ligabue – È andata così. Trent’anni in sette appuntamenti nei quali Luciano Ligabue si racconta con entusiasmo e un po’ di melanconia partendo dal primo disco per passare al rapporto con i fan, la consacrazione, le crisi, i film da regista e poi gli inciampi e i grandi successi. La voce narrante è quella di Stefano Accorsi, con la regia di Duccio Forzano. A proposito del progetto Stefano Accorsi ha spiegato che «abbiamo raccolto più di cinque ore di materiale ed è un viaggio ambizioso perché racconta un viaggio così importante anche attraverso i momenti meno semplici. Ci siamo divertiti a farlo, ridere insieme e affrontare anche le zona d’ombra racconta bene chi è Luciano. È un racconto diretto che si sviluppa non all’interno di una canzone. Con Luciano si ride e si parla di un sacco di cose, non ci si annoia, dietro un suo punto di vista c’è sempre un pensiero ed è raro oltre che prezioso».