Lampedusa, giovane migrante morta per ipotermia: aperta un’inchiesta

Debora Faravelli
09/11/2022

La donna, arrivata a bordo di un natante con altre 45 persone, è morta al Poliambulatorio. La Squadra Mobile di Agrigento è impegnata a ricostruire l'accaduto.

Lampedusa, giovane migrante morta per ipotermia: aperta un’inchiesta

Tragedia a Lampedusa, dove una giovane migrante è morta per probabile ipotermia poco dopo essere sbarcata sull’isola. La donna era a bordo di uno dei due natanti che questa notte sono stati soccorsi da una motovedetta della Guardia di Finanza. La Procura di Agrigento ha aperto un’inchiesta per far luce sul caso.

Immigrazione (Getty Images)

Migrante morta a Lampedusa 

Sulle due imbarcazioni erano presenti rispettivamente 41 e 43 persone. Nel primo gruppo c’erano 14 donne e un minore, nel secondo 21 donne e 5 minori. Al momento dello sbarco è emerso subito che c’era una donna che stava male e i soccorritori l’hanno trasportata al Poliambulatorio. Purtroppo, nonostante i medici abbiano fatto di tutto per salvarla, le manovre di rianimazione si sono rivelate vane e la migrante è morta poco dopo l’arrivo nella struttura. Ipotermia la probabile causa del decesso, su cui la magistratura ha aperto un’inchiesta.

L’ipotesi, al momento a carico di ignoti, è quella di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e morte quale conseguenza di altro reato. Dell’attività investigativa per identificare chi abbia condotto i due natanti a poche miglia dal porto di Lampedusa si occuperà la Squadra Mobile di Agrigento coordinata dal procuratore Salvatore Vella. Secondo quanto appreso, la donna era salpata da Sfax domenica alle 20 insieme ad altri migranti scappati da Camerun, Costa d’Avorio e Guinea. Nelle prossime ore gli adulti verranno ascoltati dagli investigatori.

Immigrazione (Getty Images)

Riprendono gli sbarchi sull’isola

Intanto, dopo quattro giorni di stop dovuti alle cattive condizioni del mare, a Lampedusa gli sbarchi sono ripresi in misura considerevole. Le motovedette Cp319 e 317 della Guardia Costiera hanno intercettato e soccorso un peschereccio salpato da Zhouara e giunto a 12 metri dalle coste siciliane con a bordo 205 tra egiziani, pakistani, siriani, bengalesi e palestinesi (nel gruppo ci sono anche 5 donne e 3 minori). Altri 45 migranti, tra cui 17 donne e 5 minori, sono arrivati a bordo di un barchino a cui un pattugliatore della Guardia di Finanza ha prestato soccorso a circa 6 miglia dalla terraferma.