Il bonus mobili previsto dalla Legge di bilancio 2022

Virginia Cataldi
27/01/2022

Come funziona la proroga del bonus mobili prevista dalla Legge di bilancio 2022? il premio consiste in una detrazione Irpef del 50% per l'acquisto di mobili.

Il bonus mobili previsto dalla Legge di bilancio 2022

Nel dettaglio, la Legge di Bilancio 2022, all’articolo 1 comma 37, dispone la proroga dei bonus fiscali sulla casa. Tra gli incentivi rinnovati per ulteriori tre anni, e quindi dal 2022 e fino al 2024, vi rientra anche il bonus mobili. Ecco come funziona e a chi spetta. 

Bonus mobili 2022: come funziona

La Legge di Bilancio 2022 conferma la proroga del bonus mobili ed elettrodomestici dal 1° gennaio 2022 fino al 31 dicembre 2024.

Dai 16.000 euro previsti in via eccezionale per il 2021, il limite di spesa ammesso al bonus mobili passa a 10.000 euro a partire dal 1° gennaio 2022, per poi essere ridotto a 5.000 euro dal 2023.

Come funziona la proroga del bonus mobili prevista dalla Legge di bilancio 2022? il premio consiste Possono fruire del bonus mobili i contribuenti che effettuano lavori di ristrutturazione edilizia e che acquistano mobili e grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A per i forni, E per le lavatrici, le lavasciugatrici e le lavastoviglie, F per i frigoriferi e i congelatori, per le apparecchiature per le quali sia prevista l’etichetta energetica. 

In particolare, il premio consiste in una detrazione Irpef del 50% per l’acquisto dei suddetti mobili e grandi elettrodomestici. 

Quando può essere richiesta l’agevolazione

L’agevolazione spetta per gli acquisti effettuati entro il 31 dicembre 2024 e può essere richiesta solo da chi realizza un intervento di ristrutturazione edilizia iniziato a partire dal 1° gennaio dell’anno precedente a quello dell’acquisto dei beni

Per usufruire dell’agevolazione è necessario che la data di inizio lavori sia anteriore a quella in cui sono sostenute le spese per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici. 

A titolo esemplificativo, rientrano tra i mobili agevolabili:

  • letti, armadi, cassettiere, librerie, scrivanie, tavoli, sedie, comodini, divani, poltrone, credenze, 
  • nonché i materassi e gli apparecchi di illuminazione che costituiscono un necessario completamento dell’arredo dell’immobile oggetto di ristrutturazione.

Non sono agevolabili, invece, gli acquisti di porte, di pavimentazioni (per esempio, il parquet), di tende e tendaggi, nonché di altri complementi di arredo.

Come funziona la proroga del bonus mobili prevista dalla Legge di bilancio 2022? il premio consiste