Guten Tag

Redazione
03/02/2022

Il 3 febbraio 1957 debuttava in tv Carosello. Tag43 vi augura il buongiorno con lo sketch della prima puntata.

Guten Tag

Un appuntamento che metteva insieme davanti alla televisione adulti e bambini, facendo della pubblicità una forma di intrattenimento. Il 3 febbraio 1957 sul Programma Nazionale della Rai, andava in onda, per la prima volta, Carosello. E fu subito una “rivoluzione”. Sono passati 65 anni da quell’esordio. La trasmissione è andata in onda tutti i giorni, tranne il venerdì santo e il 2 novembre, fino al primo gennaio 1977, per un totale di 7261 puntate, lanciando personaggi e tormentoni, poi divenuti iconici, come il pulcino Calimero.

Il 3 febbraio 1957 andava in onda per la prima volta Carosello
Calimero, in onda su Carosello, per Mira Lanza (foto da YouTube)

Come è nato Carosello

È stato un divieto a farsi scintilla e motore della trasmissione. Non potendo inserire messaggi pubblicitari durante le trasmissioni, la Rai decise di crearne una dedicata. Ogni pubblicità era composta da un focus o una storia, cui seguiva la promozione vera e propria. A separarli, una frase che permetteva allo spettatore di distinguere bene la parte pubblicitaria da quella narrativa e di intrattenimento. L’aspetto culturale del programma era sottolineato dalla formula teatrale del format, scelta per i primi sei anni.

Il 3 febbraio 1957 andava in onda per la prima volta Carosello
La Linea, protagonista degli sketch Lagostina (foto da YouTube)

La prima puntata di Carosello

Shell, L’Oréal, Singer e Cynar furono i brand dei quattro sketch trasmessi nella primissima puntata. Giovanni Canestrini, per Shell, dedicò un piccolo focus al traffico, “Guida a destra o guida a sinistra?”. Mike Bongiorno, invece, fu il personaggio scelto da L’Oréal. Singer puntò sulla coppia Isa Pola e Mario Carotenuto nello sketch “Quadrante della moda”. E due furono anche i protagonisti per Cynar, con Carlo Campanini e Tino Bianchi e naturalmente Ernesto Calindri. A questi poi si aggiunsero molti altri marchi e volti noti. Così, Calimero, appunto, per il detersivo Mira Lanza, La Linea di Osvaldo Cavandoli per Lagostina, Caballero e Carmencita per Lavazza. Ancora, Papalla per Philco. Senza dimenticare Topo Gigio per i Pavesini.

Numerosi pure gli interpreti noti, da Giorgio Albertazzi a Renato Carosone, da Aldo Fabrizi a Dario Fo e Franca Rame. Ancora, Domenico Modugno, Sandra Mondaini e Raimondo Vianello, Renato Rascel, Alberto Sordi. L’ultima puntata vide tra i protagonisti anche Raffaella Carrà.

Il 3 febbraio 1957 andava in onda per la prima volta Carosello
Mike Bongiorno, a Carosello, per Dash, negli anni Sessanta

Il successo di Carosello

Le ragioni della fortuna di Carosello sono da ricercare nello svago che quegli episodi garantivano a un pubblico traversale e anche nella capacità, di fatto, di farsi specchio del Paese, illustrando nuove consuetudini e creandole. A causare la chiusura del programma fu il cambiamento del mercato e anche della televisione. Tag43 vi augura il buongiorno con lo sketch di Shell, trasmesso nella prima puntata del programma tv pubblicitario.