Guerra in Ucraina, InformNapalm: «Russia pronta a usare gas Sarin»

Redazione
26/03/2022

Veleno 26 volte più letale del cianuro, è stato bandito da Mosca con l'adesione alla Convenzione del 1972. L’esercito russo è stato però accusato di aver usato armi chimiche in Siria.

Guerra in Ucraina, InformNapalm: «Russia pronta a usare gas Sarin»

Secondo gli analisti volontari di InformNapalm, citati su Telegram da Ukraine Now, «Mosca si prepara a usare veleni e altre sostanze chimiche contro i nemici, mentre agli ufficiali razzisti vengono dati degli antidoti». In particolare, il 20 marzo sarebbero state rilasciate fiale con atropina al personale di comando delle forze d’invasione della Federazione Russa: insieme alla pralidossima, si tratta dell’antitodo per eccellenza al gas paralizzante Sarin.

Cosa è il gas sarin, che la Russia potrebbe usare in Ucraina. Si tratta di un veleno 26 volte più letale del cianuro.
Il gas Sarin è un veleno 26 volte più letale del cianuro (HASAN MOHAMED/AFP via Getty Images)

Gas Sarin, classificato come arma chimica di distruzione di massa

Il Sarin o GB è un gas che colpisce il sistema nervoso con effetti paralizzanti. Appartiene alla famiglia degli organofosfati ed è classificato come arma chimica di distruzione di massa. Si tratta di un veleno 26 volte più letale del cianuro, ottenuto per la prima volta alla fine del 1938 da scienziati tedeschi della IG Farben. Ufficialmente il gas Sarin è stato bandito da Mosca con l’adesione alla Convenzione sul bando delle armi biologiche del 1972 e a quella sulle armi chimiche del 1993. Tuttavia, secondo Usa e Nato, la Federazione Russa avrebbe continuato a portare avanti programmi di armamenti che includono anche il Sarin: l’esercito russo è stato accusato di aver usato armi chimiche in Siria, con cui avrebbe colpito i civili contrari al regime di Bashar al-Asad in almeno trecento attacchi.

Cosa è il gas sarin, che la Russia potrebbe usare in Ucraina. Si tratta di un veleno 26 volte più letale del cianuro.
Nel 1995 il Sarin fu utilizzato per l’attacco terroristico alla metropolitana di Tokyo da parte della setta religiosa Aum Shinrikyō (JUNJI KUROKAWA/AFP via Getty Images)

Gas Sarin, letale anche a concentrazioni molto basse

L’esposizione al gas Sarin è letale anche a concentrazioni molto basse: la morte può sopraggiungere entro dieci minuti dall’inalazione diretta a causa del soffocamento da paralisi respiratoria. I primi sintomi dell’esposizione al Sarin sono difficoltà respiratoria e contrazione delle pupille, seguiti da una perdita progressiva del controllo delle funzioni corporee. Le persone che assorbono una dose non letale possono invece subire danni neurologici permanenti, se non ricevono cure mediche immediate. Gli antidoti al gas Sarin, come la pralidossima e l’atropina che secondo InformNapalm è stato distribuito alla truppe risse, devono essere somministrati rapidamente.