Green Day, frecciatina contro Trump durante il concerto di Capodanno

Camilla Valerio
04/01/2024

La band ha cambiato il testo del suo successo American Idiot per prendere posizione contro il tycoon e il suo slogan Make America Great Again.

Green Day, frecciatina contro Trump durante il concerto di Capodanno

Durante l’esibizione al Concerto di Capodanno New Year’s Rockin’ Eve, trasmessa dalla ABC, il gruppo pop punk dei Green Day ha cambiato una strofa della loro famosissima American Idiot per protestare contro le idee di Donald Trump, prossimo probabilissimo candidato alle elezioni americane di quest’anno.

Green Day contro Trump, ecco la frase di American Idiot cambiata  

Il frontman dei Green Day Billie Joe Armstrong ha protestato contro l’ex presidente degli Stati Uniti cambiando la frase «I’m not a part of a redneck agenda» con «I’m not a part of the MAGA agenda». Il che significa «Non faccio parte dell’agenda MAGA», con riferimento allo slogan con cui Trump ha vinto le elezioni 2016 (che sta per «Make America Great Again») nonché marchio utilizzato per magliette, capellini e cartelli elettorali.

Non è la prima volta che il gruppo si espone politicamente

La presa di posizione politica dei Green Day non è sicuramente nuova. Attraverso il suo lavoro, il gruppo si è spesso rivolto in maniera critica verso le condizioni in cui riversa il suo paese. In una recente intervista a La Repubblica per promuovere il loro disco in uscita il 19 gennaio, Billie Joe Armstrong ha parlato della nuova canzone The American Dream is Killing Me dichiarando: «Per tanta gente il sogno americano è diventato un incubo. La canzone parla di un’America divisa tra chi detiene la proprietà privata e il resto della popolazione oppressa dai debiti e spaventata dalla situazione economica, e i cui diritti vengono calpestati».