Lilli e il furibondo

Marco Zini
10/06/2021

Giletti chiede di andare ospite a Otto e mezzo. La Gruber gli dice di no. Scazzo tra i due (che si odiano da sempre) con Floris che prende le parti della conduttrice. E Cairo? Abbozza.

Lilli e il furibondo

Psicodramma a La7, teledivi che si schierano, editore imbarazzato. Tutto è successo per colpa di un no. Quello opposto da Lilli Gruber, la conduttrice di Otto e mezzo, a Massimo Giletti che aveva chiesto di andare ospite nel suo programma. Apparentemente nulla di strano, visto che spesso i salotti della tivù di Urbano Cairo sono frequentati dalle star della rete che vanno come ospiti nei programmi degli altri.

Tra Gruber e Giletti una vecchia e reciproca avversione

Per esempio, qualche sera fa è successo a Giovanni Floris, titolare del talk del martedì, di andare proprio dalla Gruber. Lo stesso Giletti non aveva mancato in precedenti occasioni di essere ospite della combattiva Lilli. Quindi c’è da immaginare lo sconcerto del conduttore di Non è l’Arena di fronte al rifiuto. Chieste spiegazione, Gruber senza girarci troppo attorno gli avrebbe detto che è troppo di destra, quindi poco in sintonia con la linea del programma. Pazienza gli ospiti destrorsi, anche quelli che tentano di edulcorarla portandole mazzi di fiori, ma un giornalista della rete proprio non era il caso.

floris prende le parti della gruber nel battibecco con giletti
Il conduttore di Di martedì, Giovanni Floris (da youtube).

Floris ha preso le parti della conduttrice

Discretamente offeso, Giletti si è allora confidato con Floris sperando di trovare comprensione. Speranza subito smorzata perché il suo interlocutore ha preso le parti della Gruber, se pur dando una motivazione paratecnica (e leggermente paracula). Tu hai già il tuo programma, questo il senso delle parole di Floris, quindi stai a casa tua e non ti lamentare.

gelo a la 7 tra giletti e gruber. Cairo Abbozza
Urbano Cairo (Getty Images).

L’imbarazzo di Urbano Cairo

A quel punto, ancora più inviperito, Giletti ha preso il telefono e chiamato Cairo in cerca di comprensione. E l’editore cosa ha fatto? A Roma si direbbe ha abbozzato, a Milano il pesce in barile. Conclusioni: Giletti ha capito che sta sulle palle ai suoi colleghi, oltre ad aver avuto la conferma della particolare avversione, per altro reciproca, della Gruber. Il gossip è girato immediatamente tra gli studi dell’emittente, e qualcuno, giusto per capire l’aria che tira (ogni riferimento al programma di Myrta Merlino è puramente casuale) è arrivato al punto di immaginare che il buon Giletti se la sia cercata apposta, in modo da avere un motivo per rompere con una rete dove si sente politicamente sempre più isolato. Fortuna che anche la stagione televisiva de La7 volge al termine, e forse la pausa estiva e il meritato riposo consentiranno di rasserenare un po’ gli animi. O forse no. Lo scopriremo solo a settembre.

 

La risposta di Massimo Giletti

«Il verbo supplicare, per mia fortuna, non appartiene al mio Dna. Quindi non ho mai potuto supplicare qualcuno per essere ospitato in un programma». A precisarlo con Ansa è Massimo Giletti, in merito alle indiscrezioni sulla richiesta che avrebbe rivolto a Lilli Gruber di essere ospitato a Otto e mezzo. «Inoltre», continua il giornalista e conduttore, «non è mia abitudine confidarmi con persone con cui non ho rapporti. Le mie energie positive vanno solo su Abbattiamoli, lo speciale su chi ha voluto le stragi di Cosa Nostra in onda questa sera alle 21.20 su La7».