È morto Giampiero Galeazzi, era malato da tempo

Barbara Massaro
12/11/2021

Giornalista, conduttore televisivo e speaker radiofonico il «Bisteccone» d'Italia si è spento dopo una lunga malattia

È morto Giampiero Galeazzi, era malato da tempo

Giampiero Galeazzi è morto dopo una lunga malattia. A dare la notizia della morte, via social, sono stati poco fa i colleghi di una vita.

Il giornalista Rai è stata una delle voci della cronaca sportiva più amate di sempre.

Morte Galeazzi, era malato da tempo

Una delle ultime apparizioni pubbliche è stata a Domenica In nel dicembre del 2020, quando, ospite di Mara Venier è intervenuto per parlare di Maradona. Galeazzi, arrivato in studio in sedia a rotelle, era già apparso in precarie condizioni di salute.

Il mitico Bisteccone si mostrò a Domenica In con tutto il peso della sua malattia, ma senza aver perso la consueta ironia. «Non ho il parkinson, ma ho problemi di diabete. La salute va su e giù come le montagne russe» aveva detto, L’ex presentatore televisivo e storica voce della cronaca sportiva combatteva da tempo contro una grave forma di diabete che ne aveva debilitato il corpo.

Galeazzi, una carriera tra radio e tv

Nato a Roma il 18 maggio 1946, Galeazzi in gioventù, dopo la laurea in economia era diventato professionista di canottaggio, vincendo il campionato italiano del singolo nel 1967. Poi è entrato in Rai come giornalista sportivo prima alla radio e poi in tv, prima alla Domenica Sportiva e poi a Mercoledì Sport. Di lui si ricordano le telecronache degli eventi sportivi come la mitica medaglia d’oro dei fratelli Abbagnale a Seul nel 1988.

Negli Anni Ottanta fu anche inviato della Ds per gli incontri più importanti della Serie A. Dal 1992 al 1999 ha condotto 90esimo minuto e ha partecipato alla conduzione del festival di Sanremo del 1996 con Pippo Baudo. Nel 2010 e nel 2012 ha partecipato a Notti Mondiali e Notti Europee, entrambe trasmissioni Rai.

Morte Galeazzi, la tv perde un pezzo di storia

La notizia della scomparsa di Galeazzi è stata lanciata su Twitter da alcuni colleghi, in primis il direttore del Tg5 Clemente Mimun. «Addio Giampiero rip», ha twittato Mimun. Al coro del cordoglio ora si unisce l’intero mondo del giornalismo italiano che oggi ha perso una fetta della sua storia.