Io capitano e gli altri: 5 film sui migranti da guardare in streaming

Fabrizio Grasso
18/12/2023

Il lungometraggio di Garrone candidato ai Golden Globes dal 21 dicembre su Rakuten Tv. Online ci sono però anche Fuocoammare e L’odio, passando per District 9, Gran Torino di Clint Eastwood e Brooklyn. Le storie da recuperare su RaiPlay, Apple Tv+, Disney+ e Amazon Prime Video.

Io capitano e gli altri: 5 film sui migranti da guardare in streaming

I grandi flussi verso gli Stati Uniti nel XX secolo e l’esodo dai Paesi devastati dalla guerra. Senza dimenticare le recenti tragedie nel Mar Mediterraneo. Il cinema ha sempre trattato con attenzione il tema dei migranti, di cui il 18 dicembre ricorre la Giornata internazionale. Il 2023 ha visto l’uscita di Io capitano, la nuova fatica di Matteo Garrone che ha incantato la critica di tutto il mondo. Leone d’argento a Venezia, nominato ai Golden Globes come miglior pellicola straniera, è in corsa per entrare nella shortlist anche degli Oscar. Il 21 dicembre approderà in streaming su Rakuten Tv, piattaforma on demand ad abbonamento disponibile anche in Italia. Nell’attesa, in Rete è possibile già recuperare diversi titoli premiati a Cannes e Berlino, da Fuocoammare a L’odio, passando per Gran Torino di Clint Eastwood.

Non solo Io capitano: 5 film sui migranti da recuperare in streaming

Fuocoammare, su RaiPlay il documentario sui migranti di Gianfranco Rosi

Orso d’oro alla Berlinale 2016, Fuocoammare di Gianfranco Rosi è disponibile in streaming gratuitamente su RaiPlay. Diretto da Gianfranco Rosi, Leone d’Oro a Venezia 2013 per Sacro GRA, e candidato agli Oscar come miglior documentario, racconta gli sbarchi dei migranti sull’isola di Lampedusa. Nel film sono presenti le storie di Samuele Pucillo e Mattias Cucina, due ragazzini che si divertono a intagliare le foglie dei fichi d’india e a lanciare oggetti con le loro fionde rudimentali, mentre attorno a loro migliaia di persone ogni anno approdano nella speranza di una nuova vita. Fra gli ospiti del documentario anche Pietro Bartolo che per anni ha diretto l’unico presidio sanitario dell’isola.

L’odio, Vincent Cassel nel film di Kassovitz premiato a Cannes

Miglior regia al Festival di Cannes, L’odio è un film del 1995 scritto e diretto da Mathieu Kassovitz, regista di Gothika e Babylon AD. Girato in bianco e nero, si ispira alla storia vera di un ragazzo della banlieu di Parigi ucciso dagli agenti di polizia. La trama segue Vinz, un uomo di origine ebraica che si atteggia da spaccone, l’irascibile magrebino Said e il pugile dilettante Hubert che ha raggiunto la Francia dall’Africa. I tre vivono un clima di tensione nella capitale quando un loro amico, Abdel, viene arrestato dopo essere stato pestato dalla polizia. La sua morte infatti potrebbe scatenare una vera rivolta contro le forze dell’ordine. Nel cast del film, disponibile su Amazon Prime Video, anche Vincent Cassel e lo stesso regista Kassovitz.

District 9, migranti alieni nel film prodotto da Peter Jackson

Sempre su Amazon Prime Video è disponibile District 9, un film che affronta il tema della migrazione in un mondo di fantascienza. Prodotto da Peter Jackson, regista della trilogia de Il Signore degli Anelli, vede alla regia Neil Blomkamp, poi dietro la macchina da presa di Elysium e Humandroid. Candidato a quattro premi Oscar, tra cui miglior film, si svolge in un Sudafrica alternativo, dove una navicella spaziale sbarca sulla Terra e si apposta sui cieli di Johannesburg. Gli alieni, una stirpe di artropodi ridotta allo stremo da fame e malattie, non sono offensivi, ma solamente in cerca di aiuto che inizialmente trovano nella popolazione. Ben presto però la convivenza tra le due specie diventa impossibile e gli extraterrestri vengono segregati nei ghetti in regime di apartheid. Il regista avrebbe intenzione di realizzare un sequel dal titolo District 10 per cui, come ha rivelato a luglio all’Hollywood Reporter, attende solo il via libera.

Gran Torino, Clint Eastwood nei panni di un veterano pieno di pregiudizi

Clint Eastwood dirige e interpreta Gran Torino, film del 2008 capace di incassare 280 milioni di dollari al botteghino internazionale. Protagonista della storia è Walt Kowalski, reduce delle guerra di Corea che ha perso la moglie dopo 50 anni di matrimonio. In pensione dopo aver lavorato per tutta la vita alla Ford, ama accudire la sua Gran Torino, modello del 1972 che pulisce e sistema ogni giorno. Pieno di pregiudizi e del tutto avverso a ciò che considera diverso da lui, in particolare gli asiatici per via dei suoi precedenti militari, non ha un carattere facile e non è ben visto da nessuno del suo quartiere, popolato per la gran parte da immigrati di etnia Hmong. Tutto cambia quando un gruppo di teppisti prova a rubare la sua amata auto. Nel cast anche Scott Eastwood, figlio del regista. Il film è disponibile su abbonamento su Apple Tv+.

Brooklyn, amore e nostalgia di casa nel film con Saoirse Ronan

Il cartellone di Disney+ offre invece la visione di Brooklyn, film del 2015 con Saoirse Ronan e Jim Broadbent. Candidato a tre premi Oscar, tra cui miglior film, adatta l’omonimo romanzo dello scrittore Colm Tóibín edito sei anni prima. La trama racconta la toccante storia di Eilis Lacey, giovane irlandese che ha sempre vissuto in un piccolo paesino della sua nazione ma improvvisamente si ritrova catapultata negli Stati Uniti. Nostalgica della sua patria, si sente sin da subito un’esule ma non si perde d’animo. L’incontro con un uomo dolce e carismatico che si innamora perdutamente di lei le cambierà la vita, ma per un’improvvisa tragedia dovrà tornare presto a casa, mettendo a repentaglio tutto quanto aveva costruito con fatica. Nel cast anche Domhnall Gleeson, Julie Walters e Fiona Glascott.