Emis Killa, un brano istiga al femminicidio? La replica: «È story telling»

Redazione
28/11/2023

Cancellato il concerto di Capodanno del rapper a Ladispoli dopo le polemiche: il testo di 3 messaggi in segreteria, uscito nel 2016, racconta la violenza di un ragazzo nei confronti dell’ex fidanzata. L'artista su Instagram: «Se volete capirmi, parlate con le donne della mia vita». E pubblica i commenti di alcuni fan che hanno subito abusi.

Emis Killa, un brano istiga al femminicidio? La replica: «È story telling»

«Preferisco saperti morta che con un altro. Vengo a spararti». Sono alcuni dei versi del brano 3 messaggi in segreteria che Emis Killa, al secolo Emiliano Rudolf Giambelli, ha pubblicato nel 2016. L’annuncio di un suo concerto di Capodanno 2023 a Ladispoli, a pochi giorni dall’omicidio di Giulia Cecchettin, aveva scatenato una dura reazione da parte di cittadini, associazioni e partiti politici. Tanto da spingere il sindaco Alessandro Grando ad annullare l’evento «al fine di ristabilire un clima di serenità» e sedare le polemiche. «Affidare lo spettacolo a rapper che con le canzoni sembrano incoraggiare comportamenti violenti contro le donne è inaccettabile», ha detto a La Repubblica la coordinatrice nazionale del Partito democratico Marta Bonafoni. Non si è fatta attendere però la replica dello stesso artista che, con alcune stories Instagram, ha difeso la sua posizione: «Nel rap esiste lo story telling, ossia rappresentare una storia in rima», ha scritto Emis Killa. «Interpreto, invento, racconto fatti che purtroppo accadono. Parlate con le donne della mia vita».

Polemiche per la presenza di Emis Killa al Capodanno 2023 di Ladispoli: un suo brano parla di femminicidio. Il rapper: «È story telling».
La replica social del rapper (Emis Killa, Instagram).

Emis Killa, le frasi del brano sotto accusa e la risposta sui social

Il brano di Emis Killa, estratto dell’album Terza stagione, racconta la fine della relazione tra due ragazzi. Si apre infatti con l’uomo che chiama ripetutamente l’ex fidanzata, cercando di ricucire il rapporto, tuttavia senza successo. «Ultimamente ho pensieri scuri», canta il rapper nella traccia. «Eri stata avvertita, ricordi quegli scleri, io te l’avevo detto, vengono i problemi seri e da qualche giorno hanno iniziato a diventare veri». Verso la fine della canzone, poi, il ragazzo parte verso casa della sua ex, spinto da «cattive idee dettate da una sbronza», ormai troppo tardi per fermarsi. «Voglio vedere la vita fuggire dai tuoi occhi», si sente negli ultimi versi del brano. «Io ci ho provato e tu mi hai detto no, con quella cornetta ti ci strozzerò».

«Nel pezzo non è Emiliano che parla», ha ribadito Emis Killa su Instagram. «Non penso nemmeno di dare troppe giustificazioni a chi non vuole capire. In un altro story telling molto più recente interpreto Renato Vallanzasca, non so, volete accollarmi qualche anno di galera?». In un’altra stories, il rapper si è scagliato contro l’articolo polemico de La Repubblica, sottolineando di dover «parlare con le donne che fanno parte della mia vita, dalla mia famiglia alle mie amiche» per poter comprendere il suo carattere e i suoi testi. «Potete cancellare tutti i concerti che volete e bannare i rapper dalle radio, indignarvi in un gruppo social. Non cambierete la realtà che gente come me ha il coraggio di raccontare, anche quando questo torna indietro nel peggiore dei modi». Ha poi pubblicato anche un commento di una fan, che lo ringrazia per averla aiutata a superare le violenze subite.

Polemiche per la presenza di Emis Killa al Capodanno 2023 di Ladispoli: un suo brano parla di femminicidio. Il rapper: «È story telling».
La storia di Emis Killa su Instagram con il commento di una fan (Screenshot).