Elezioni 2022, depositati in tutto 101 simboli

Redazione
15/08/2022

Elezioni 2022, depositati in tutto 101 simboli, presentati da 98 soggetti politici. 26 contrassegni contengono il nome di almeno un leader. Come Draghi, inserito a sua insaputa.

Elezioni 2022, depositati in tutto 101 simboli

Scaduto alle ore 16 di ieri il termine per presentare i contrassegni elettorali, su cui l’Ufficio del ministero dell’Interno valuterà eventuali richieste di correzioni, integrazioni, ammissibilità. Sono in tutto 101 i simboli depositati al Viminale in vista delle elezioni politiche del 25 settembre, presentati da 98 soggetti politici. Per la scorsa tornata elettorale del 2018 il ministero dell’Interno esaminò 103 contrassegni depositati e ne ammise 75.  Ecco alcune curiosità riguardanti i partiti, per così dire, minori.

In un simbolo anche Draghi, che però non ha dato il suo avallo

Ben 26 contrassegni contengono il nome di (almeno) un leader. Tra i simboli depositati per ultimi figura Italiani con Draghi – Rinascimento, l’unico logo con il nome del presidente (uscente) del Consiglio. Il simbolo presentato al ministero dell’Interno, è un’iniziativa che non ha alcun avallo da parte del premier, ha fatto sapere Palazzo Chigi. È stato infatti presentato dal signor Cristiano Aresu e Mario Draghi, non ne era informato. Il contrassegno quindi potrebbe non essere ammesso, mancando l’autorizzazione del diretto interessato.

LEGGI ANCHE: Il simbolo dei moderati, Panzironi e l’assist di Renzi: il peggio settimanale della campagna elettorale

Elezioni 2022, depositati in tutto 101 simboli. 26 contrassegni contengono il nome di almeno un leader. Come Draghi, inserito a sua insaputa.
Il simbolo del Partito della Follia creativa.

Elezioni, i contrassegni più fantasiosi

La fantasia non è mancata agli italiani. Nel contrassegno del Partito della vita campeggia ad esempio una donna-albero, simbolo dell’Italia, con le radici in basso e una chioma tricolore in alto. C’è poi il Partito della follia (“creativa”, specificato in piccolo), nato dall’idea dell’ex radicale, Cirillo Follia, che ha spiegato di essersi ispirato al celebre motto con cui Steve Jobs esortò gli studenti dell’università di Stanford nel 2005: “Stay hungry, stay foolish” (“Siate affamati, siate folli”, appunto). Nel logo del Movimento internazionale Naturalismo di Gabriele Nappi c’è invece un gatto. I Free di Marco Lusetti hanno scelto un uomo stilizzato, che prende a calci la testa di Pinocchio. Il significato è chiaro. Tra i contrassegni depositati ci sono poi quello del Movimento Poeti d’Azione di Alessandro D’Agostini e del Sacro Romano Impero Cattolico di Mirella Cece, senza dimenticare ovviamente la ghigliottina della Rivoluzione Sanitaria di Adriano Panzironi.

Elezioni 2022, depositati in tutto 101 simboli. 26 contrassegni contengono il nome di almeno un leader. Come Draghi, inserito a sua insaputa.
Il simbolo del partito “Vita”.

LEGGI ANCHE: Da Casini a Tabacci, i veterani che non mollano l’osso in parlamento

Entro la mezzanotte del 16 agosto notificati gli ammessi e i ricusati

Adesso per i contrassegni parte l’attività istruttoria del Viminale. Entro 48 ore, ovvero entro la mezzanotte del 16 agosto, saranno notificati gli ammessi e i ricusati, che avranno altre 48 ore per presentare le eventuali integrazioni, modifiche richieste, o ricorsi. Si arriverà così al 18 agosto. Poi la Cassazione avrà altri due giorni per decidere sugli eventuali ricorsi: dunque il ministero dell’Interno entro il 20 agosto comunicherà alle Corti di Appello i nomi dei rappresentati per le liste. Dopodiché i partiti approvati dovranno presentare, il 21 e 22 agosto, la lista dei candidati nei tribunali e nelle Corti d’appello dei capoluoghi.