Ecosistema Urbano, la classifica premia il nord-est: Bolzano città più sostenibile

Debora Faravelli
07/11/2022

Migliorano rispetto all'anno scorso Venezia e Genova, mentre perdono posizioni Genova, Milano e Firenze.

Ecosistema Urbano, la classifica premia il nord-est: Bolzano città più sostenibile

Secondo la classifica di Ecosistema Urbano 2022, il report di Legambiente realizzato in collaborazione con Ambiente Italia e Il Sole 24 ore, il nord-est italiano è l’area dello stivale con le migliori performance il termini di sostenibilità ambientale. In testa all’elenco c’è Bolzano, che rispetto all’anno scorso ha scalato cinque posizioni, seguito da Trento e Belluno (che nel 2021 era ottava).

Belluno (Getty Images)

Classifica di Ecosistema Urbano 2022

La ricerca è stata effettuata su 105 comuni tenendo conto di diciotto indicatori in sei aree tematiche: aria, acque, rifiuti, mobilità, ambiente urbano ed energia. Subito dopo il podio si situano Reggio Emilia e Cosenza, unica città del Sud a entrare anche quest’anno nella top ten della graduatoria. Legambiente ha evidenziato che, nel complesso, le metropoli hanno confermato più o meno le performance della passata edizione con qualche oscillazione di classifica. Venezia e Torino hanno infatti recuperato qualche posizione stanziandosi rispettivamente al 13esimo e al 65esimo posto, mentre Genova è scesa al 53esimo posto, Firenze al 43esima posto e Milano al 38esimo perdendo otto posizioni. Roma, invece, non ha risposto a quasi nessuna delle domande del questionario ed è risultata 88esima. Chiudono la classifica Alessandria (103esima), Palermo (104esima) e Catania (105esima), che da tempo non riescono a invertire rotta.

Milano (Getty Images)

L’appello di Legambiente al governo

Durante la conferenza stampa di presentazione del report, il presidente nazionale di Legambiente Stefano Ciafani ha evidenziato che, dalla fotografia di Ecosistema Urbano 2022, non è ancora visibile quel cambio di passo repentino che impone l’emergenza energetica, ambientale e sociale. «In tutte le città serve velocizzare gli interventi, diffondere gli impianti fotovoltaici sui tetti e le comunità energetiche rinnovabili, riqualificare gli edifici, promuovere l’elettrificazione del trasporto pubblico e privato, completare fognature e depuratori, realizzare gli impianti dell’economia circolare. Queste sono le sfide che attendono il nuovo governo», ha sottolineato ricordando che la transizione ecologica dei capoluoghi italiani dipende dalle scelte dei Comuni ma soprattutto da quelle che verranno fatte a livello nazionale.