Direzione Pd, i candidati: Letta capolista in Lombardia e Veneto

Debora Faravelli
16/08/2022

Cottarelli sarà capolista del Pd a Milano, il virologo Crisanti nella circoscrizione Europa. Presenti, tra i big, Zingaretti, Orlando, Boccia e Misiani. Sì anche alla candidatura di Casini, che correrà in Emilia-Romagna. Ma è polemica sugli esclusi, da Lotti a Pini.

Direzione Pd, i candidati: Letta capolista in Lombardia e Veneto

Tenutasi nella tarda serata di lunedì 15 agosto dopo tre rinvii, la direzione del Pd ha approvato la delibera per la votazione delle liste con 3 contrari e 5 astenuti: tra i candidati alle prossime elezioni politiche figurano il segretario Enrico Letta, che sarà capolista alla Camera in Lombardia e Veneto, diversi under 35 accanto a personalità storiche del partito e alcuni esponenti del mondo scientifico.

Direzione Pd: le liste dei candidati

«Avrei voluto ricandidare tutti i parlamentari uscenti, ma è impossibile per la riforma del taglio dei parlamentari e per esigenza di rinnovamento. Ho chiesto personalmente sacrifici ad alcuni. Mi è pesato tantissimo. Ma non ho fatto le liste da solo come quattro anni fa». Così il leader dem ha commentato la scelta della rosa di nomi da sottoporre al voto degli italiani il prossimo 25 settembre.

Accanto a lui, a guidare le liste vi saranno, tra gli altri, Carlo Cottarelli (capolista al Senato a Milano), il virologo Andrea Crisanti (capolista nella circoscrizione Europa, quella degli Italiani all’estero), la scienziata Luisa Torsi (capolista a Bari) e quattro giovani, tra cui Cristina Cerroni (in Lazio), Paolo Romano (in Lombardia), Marco Sarracino (in Campania) e Rachele Scarpa (in Veneto). In quota Letta correranno anche Elly Schlein, Marco Berruto e Antonio Nicita.

Candidati al Senato nelle liste proporzionali in Puglia Francesco Boccia, Valeria Valente e Antonio Misiani. Tra gli altri prescelti, Beatrice Lorenzin (in Piemonte e in Veneto), Debora Serracchiani (in Piemonte e Friuli Venezia Giulia), Lia Quartapelle, Gianni Cuperlo ed Elena Carnevali (in Lombardia). L’ex segretario del partito Nicola Zingaretti risulta candidato in Lazio insieme a Marianna Madia, il ministro del Lavoro Andrea Orlando figura tra i nomi delle liste in Liguria mentre il titolare della Salute Roberto Speranza correrà in Campania. Presente anche Pier Ferdinando Casini, che tenterà la corsa al Parlamento in Emilia-Romagna.

Orlando: «Liste competitive»

In un primo momento sembrava ci fosse posto anche per Stefano Ceccanti, ma lo stesso ha smentito la sua candidatura: «Leggo con stupore dalle agenzie che sarei candidato numero 4 al proporzionale a Firenze-Pisa. La notizia è destituita di qualsiasi fondamento come ben sa il segretario Letta. Domani spiegherò nel dettaglio». Questo invece il commento di Orlando una volta lasciato il Nazareno: «É stato un lavoro faticoso, ci sono sempre troppe esclusioni… ma credo siano liste competitive e per fare un buon risultato».