Decreto fiscale: tutte le novità approvate dal Governo

Redazione
18/10/2021

Dal rifinanziamento del congedo parentale per Covid alle nuove norme in merito alla sicurezza sul lavoro ecco cosa c'è da sapere sul decreto

Decreto fiscale: tutte le novità approvate dal Governo

Il governo Draghi ha approvato il decreto fiscale che contiene misure urgenti in materia economica e fisco, a tutela del lavoro e per esigenze indifferibili.

Tra i punti chiave ci sono il rifinanziamento delle misure Covid e nuovi termini in merito alla sicurezza sui luoghi di lavoro. Centrale anche il differimento dei termini per il versamento delle rate da rottamazione delle cartelle esattoriali. 

Decreto fiscale, differimento per la rottamazione ter

Potranno essere versate entro il 30 novembre 2021 le rate della rottamazione ter e del saldo e stralcio cartelle in scadenza nel 2020 e quelle in scadenza dal 28 febbraio 2021 al 31 luglio 2021.

Il termine di 60 giorni per l’adempimento spontaneo delle cartelle di pagamento notificate dal 1° settembre al 31 dicembre 2021 è prorogato a 150 giorni. Fino alla scadenza del tempo non saranno dovuti interessi e l’agente per la riscossione non potrà agire per il recupero del credito.

Esteso da 10 a 18 il numero di rate che se non pagate determinano la decadenza dal piano di rateizzazione concesso a fronte della sospensione della riscossione.

Sicurezza sul lavoro nel decreto fiscale

Secondo gli ultimi dati Inail, sono 772 i morti sul lavoro nei primi 8 mesi del 2021, 95 in più rispetto alla rilevazione di luglio, e crescono dell’8,5 per cento gli infortuni e del 20 per cento le malattie professionali.

Draghi ha voluto, per questo, inasprire le norme sui luoghi di lavoro. Ora, le nuove regole permettono di intervenire più duramente contro le imprese che non rispettano le misure di prevenzione o che sfruttano lavoratori in nero. In primis estese le competenze di coordinamento all’INL-Ispettorato Nazionale del Lavoro negli ambiti della salute e sicurezza del lavoro.

Non solo: è prevista infatti l’assunzione di 1.024 unità e un investimento in tecnologie di oltre 3,7 milioni di euro nel biennio 2022/2023 per dotarli della strumentazione informatica necessaria all’attività di vigilanza.

Decreto fiscale, rifinanziamento per le norme Covid sul lavoro

Sempre sul fronte del lavoro è stato approvato il rifinanziamento per le misure adottate al fine dell’equiparazione alla malattia della quarantena per Covid 19.

In particolare viene garantita la possibilità per i lavoratori dipendenti o autonomi genitori di minori di 14 anni di astenersi dal lavoro nel caso in cui sia sospesa l’attività didattica o educativa del figlio per tutta o in parte la durata dell’infezione o per la quarantena disposta dalle autorità competenti.

Inoltre il Governo ha stanziato, per il 2021, 200 milioni di euro per rifinanziare il Reddito di Cittadinanza