Il testo del ddl presentato da D’Alfonso e Fenu per regolare la lista del cda

Redazione
03/11/2021

Per i senatori la lista «deve recare un numero di candidati pari o superiore al massimo dei posti disponibili, per evitare la presentazione di liste di minoranza» e «non possano essere candidati soggetti in carica da sei o più anni o comunque esercizi».

Il testo del ddl presentato da D’Alfonso e Fenu per regolare la lista del cda

Ecco il testo del ddl presentato dai senatori Luigi D’Alfonso del Pd ed Emiliano Fenu del Movimento 5 stelle sulle “Modifiche al decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58, in materia di presentazione di liste di candidati da parte dei consigli di amministrazione uscenti delle società quotate”. Il disegno di legge è finalizzato, si legge nel testo, «a porre precise regole procedurali e di trasparenza a tutela del mercato». Tra le altre cose, scrivono i senatori, la lista «deve recare un numero di candidati pari o superiore al massimo dei posti disponibili, per evitare la presentazione di liste di minoranza» e «non possano essere candidati soggetti in carica da sei o più anni o comunque esercizi». Inoltre la lista del consiglio deve «essere pubblicata con largo anticipo rispetto alle scadenze ordinariamente previste per le liste dei soci, così da consentire una adeguata pubblicità delle scelte del consiglio uscente e una compiuta valutazione ai soci».

il testo del ddl D'Alfonso Fenu

il testo del ddl D'Alfonso Fenu sui cda

il testo del ddl D'Alfonso Fenu sui cda

il testo del ddl D'Alfonso Fenu sui cda

il testo del ddl D'Alfonso Fenu sui cda