Aggiungi un post a tavola

Redazione
21/05/2021

Molti sono stati costretti a reinventarsi durante i periodi di lockdown, altri hanno colto al volo i consigli dei familiari: ecco chi sono gli chef influencer che spopolano su TikTok.

Aggiungi un post a tavola

Non ambiscono a diventare cuochi stellati. Non propongono ricette gourmet, né usano ingredienti ricercati. Preparano golosità a portata di portafoglio e, nell’ultimo anno, sono diventati una delle categorie di punta tra i creator di TikTok. Le food star sono l’ultimo trend lanciato dal social cinese e, grazie alla pandemia, hanno conosciuto un exploit senza precedenti. Un trampolino web per conquistare anche televisione e mercato editoriale.

Stelle di TikTok: «Merito del covid»

Prima del Covid, Poppy O’Toole era sous chef all’AllBright Mayfair Private Dining, di Londra. La chiusura di hotel e ristoranti, il tempo libero dal lavoro l’hanno portata a installare TikTok e a postare le ricette che preparava per se stessa. «Ho sempre voluto trovare una quadra tra la mia professione e i social, ma non ho mai avuto tempo», ha raccontato al Guardian, «Lavoravo 70 ore a settimana, era impossibile». Dopo la prima clip, pubblicata senza aspettative e con la paura del flop, il profilo Poppy Cooks ha iniziato a macinare un improvviso engagement. Oggi O’Toole vanta più di 1.5 milioni di follower, ha un manager e sta preparando il suo primo libro, The Food You Need. Uscirà a settembre per Bloomsbury. Un successo fatto di affabilità, talento culinario e tanto naso per le ricette più virali.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Poppy O’Toole (@poppy_cooks)

 

Influencer di famiglia

Ma O’Toole non è l’unica ad aver raggiunto una fama del genere. Il 24enne Bartek Michalski ha iniziato la sua carriera da Tiktoker grazie a una richiesta della madre e a un suggerimento della sorella. «Durante il lockdown, una mi convinse prepararle una cheescake, l’altra mi consigliò di caricare il procedimento sul social», ha spiegato. «Ero così imbarazzato. Mi vergognavo all’idea di apparire su una piattaforma popolata da teenager. Per registrare il voiceover, mi sono chiuso in camera, lontano dalla famiglia». Un anno dopo, Michalski e le sue ricette facili e gustose hanno conquistato più di 500mila follower (soprattutto giovanissimi). Oltre a diverse partnership con brand di spessore come Hellmann e McCain, sempre più interessate ad approcciarsi ai fenomeni del web per incrementare le vendite e far girare il business.

Un mix di food blogger e youtuber

Non è strano che aziende, televisione e editoria si stiano avvicinando sempre di più a questa nuova generazione di webstar, combinazione di food blogger e youtuber. Nonostante diversi siano i professionisti approdati sulla piattaforma (tra tutti, spicca Gordon Ramsay, che recensisce i piatti dei suoi fan con l’hashtag #ramsayreacts, seguito da 23milioni di persone), questi volti freschi e preparati sono amati perché non incutono timore né vogliono imporsi come massimi esperti culinari. E, aspetto principale, il pubblico si fida quando consigliano un prodotto. Come dimostrano i dati del Mintel: negli ultimi mesi, le clip dei food creator hanno contribuito ad allargare il target anagrafico di TikTok, accogliendo iscritti over 30. Di questi, più del 34 per cento ha acquistato un ingrediente o una bevanda pubblicizzata sulla piattaforma da uno dei suoi influencer di fiducia.

Il segreto del successo

Ma, al di là del talento e della capacità di stare davanti alle telecamere, c’è un altro segreto. «Per assicurarsi una fama duratura, è necessario diversificare la proposta, fidelizzare un pubblico che possa poi seguirti anche altrove», ha puntualizzato Amy Bryant-Jeffries, talent manager di Gleam Futures. Un risultato che tanti hanno ottenuto inventando manicaretti alla portata anche di chi è allergico ai fornelli. Magari, riproponendo piatti veloci come la tortilla (uno dei trend più amati, con oltre 4 miliardi di views complessive), le ricette dei fast food o le torte in tazza. E se, per tanti, questa rimane una moda passeggera, per O’Toole il futuro è degli chef social: «Per tutta la mia vita ho guardato Jamie Oliver e Gordon Ramsay in tv. Adesso, sarebbe bello poter vedere personalità cresciute sui social media. La nuova generazione di cuochi televisivi arriverà proprio da TikTok».