Covid, l’Oms avverte: «Presto per dichiarare vittoria»

Redazione
01/02/2022

I dati sulla variante Omicron, con 90 milioni di casi in 10 settimane, più di tutto il 2020, sono un monito per non abbassare la guardia. Secondo il direttore generale Tedros Adhanom Ghebreyesus «il virus continua a evolversi».

Covid, l’Oms avverte: «Presto per dichiarare vittoria»

«Per qualsiasi Paese è prematuro arrendersi o dichiarare vittoria». L’Organizzazione mondiale della sanità, attraverso il proprio direttore generale Tedros Adhanom Ghebreyesus, analizza il momento vissuto a livello globale dal Covid e dalla lotta al virus. Sebbene sembrino in calo i contagi e siano aumentati notevolmente i vaccinati in tutto il mondo, il virus «è pericoloso e continua ad evolversi davanti ai nostri occhi». L’Oms dichiara, infatti, di aver attualmente tracciato ben 4 sottovarianti di Omicron, tra cui la ormai nota BA.2.

Covid, l'Oms avverte: «Presto per dichiarare vittoria». L'Organizzazione mondiale della sanità chiede di non abbassare la guardia
Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’Oms (Getty)

Covid, Oms: «Il virus continuerà ad evolversi»

«Questo virus continuerà ad evolversi», ha spiegato il direttore generale, «motivo per cui invitiamo i Paesi a continuare con i test, la sorveglianza e il sequenziamento. Non possiamo combattere il Sars-CoV-2 se non sappiamo cosa sta facendo. E dobbiamo continuare a lavorare per garantire che tutte le persone abbiano accesso ai vaccini». Tedros Adhanom Ghebreyesus ha poi parlato dei numeri legati proprio alla variante Omicron. In appena 10 settimane da quando è stata identificata, sono stati segnalati 90 milioni di casi, più di quelli dell’intero 2020. E ora «stiamo iniziando a vedere un aumento molto preoccupante dei decessi, nella maggior parte delle regioni del mondo».

La richiesta dell’Oms: «Proteggete la vostra popolazione»

Ciò che auspica l’Organizzazione mondiale della sanità non è «di tornare al cosiddetto lockdown. Ma chiediamo a tutti i Paesi di proteggere la propria popolazione utilizzando tutti gli strumenti, non solo i vaccini». Il direttore generale si è detto preoccupato, inoltre, nel vedere come molte nazioni stiano allentando le restrizioni per la minor gravità di Omicron. Poi il passaggio sui vaccini: «Con l’evoluzione del virus potrebbe essere necessario che anche i vaccini si evolvano. Le varianti possono continuare a sfuggire agli anticorpi neutralizzanti indotti dai vaccini contro le versioni precedenti del virus». Fondamentale, quindi, cautelarsi e che la ricerca continui, coi propri strumenti, a cercare soluzioni.

Covid, l'Oms avverte: «Presto per dichiarare vittoria». L'Organizzazione mondiale della sanità chiede di non abbassare la guardia
Lunga fila per i tamponi nelle città americane (Getty)