Covid Italia, il bollettino del 30 luglio: 49.571 nuovi casi e 121 morti

Redazione
30/07/2022

Scendono terapie intensive (-18), ricoveri ordinari (-166) e tasso di positività, pari al 17,1 per cento.

Covid Italia, il bollettino del 30 luglio: 49.571 nuovi casi e 121 morti

Ancora in calo la curva epidemica in Italia. Nelle ultime 24 ore sono state rilevati 49.571 i nuovi casi di Covid. 121 le vittime. A fronte di 290.013 tamponi effettuati, il tasso di positività che scende dal 19,2 per cento al 17,1 per cento. In calo le terapie intensive: -18, con 28 ingressi giornalieri e 382 ricoverati in tutto. Scende anche il numero dei ricoveri ordinari: sono 166 in meno, per un totale di 10.602.

LEGGI ANCHE: Covid Italia, giù incidenza e indice Rt

Covid Italia, il bollettino del 30 luglio: 49.571 nuovi casi e 121 morti. I dati della pandemia di Coronavirus.
Covid Italia, sono 49.571 i nuovi casi registrati nelle ultime 24 ore (TIZIANA FABI/AFP via Getty Images)

Covid Italia, crescono ancora le reinfezioni

Dal 24 agosto 2021 al 27 luglio 2022 sono stati segnalati 873.791 casi di reinfezione, pari al 5,4 per cento del totale dei casi notificati nello stesso periodo. Nell’ultima settimana la percentuale di reinfezioni sul totale dei casi segnalati nella stessa settimana risulta pari a 12,6 per cento, in aumento rispetto alla settimana precedente.

Covid Italia, oltre un milione di casi in due settimane

A luglio, nelle due settimane fra l’11 e il 24 del mese, sono stati segnalati in Italia 1.105.799 nuovi casi di Covid-19, di cui 738 deceduti. Lo evidenzia il report settimanale esteso dell’Istituto Superiore di Sanità sulla sorveglianza epidemiologica. In totale, nel nostro Paese, sono state diagnosticate e riportate al sistema di sorveglianza integrata 21 milioni di positività. 172.003 le vittime dall’inizio della pandemia.

Covid Italia, il bollettino del 30 luglio: 49.571 nuovi casi e 121 morti. I dati della pandemia di Coronavirus.
Covid Italia, il tasso di positività scende al 17,1 per cento (Emanuele Cremaschi/Getty Images)

Covid Italia, l’efficacia del vaccino

Il tasso di mortalità per le persone non vaccinate è circa sei volte e mezzo più alto rispetto ai vaccinati con dose booster. L’efficacia del vaccino nel prevenire la malattia severa è pari all’85 per cento, sempre per chi ha ricevuto la dose aggiuntiva. Il tasso di mortalità standardizzato per età, relativo alla popolazione di età 12 anni, per i non vaccinati risulta circa cinque volte più alto rispetto ai vaccinati con ciclo completo da 120 giorni.