Covid, come cambiano le regole Ue sui viaggi

Redazione
23/01/2022

La svolta da Bruxelles dovrebbe arrivare martedì. Conterà il Green Pass, non la situazione del Paese di provenienza. Il test antigenico per i non vaccinati dovrà essere eseguito entro le 24 ore precedenti e non più 48.

Covid, come cambiano le regole Ue sui viaggi

L’Unione Europea prepara un nuovo modello di gestione della pandemia per i viaggi, facendo così un passo verso un nuovo modello di gestione dell’emergenza sanitaria che mira a ritirare le restrizioni generalizzate finora utilizzate per fermare il Covid-19. La svolta da Bruxelles dovrebbe arrivare martedì. Come anticipato da El Pais in vista del consiglio affari generali, spariranno le mappe del contagio, che resteranno solo a livello informativo: le restrizioni non saranno più legate all’aerea di arrivo, bensì alla situazione del viaggiatore.

Covid e viaggi Ue, più valore al Green Pass

Bruxelles si appresta dunque a modificare le regole per i viaggi, per facilitare la mobilità e permettere ai cittadini di recuperare una certa normalità. Addio al sistema a semaforo dei contagi, con i colori degli Stati dell’Ue come discriminante. Indipendentemente dall’area di arrivo, conterà essere vaccinati, guariti o negativi al tampone: sempre nelle 72 ore precedenti per i molecolari, 24 e non più 48 per gli antigenici. In poche parole sarà il Green Pass, la cui validità è stata confermata a 9 mesi, a giocare un ruolo centrale.

Covid, come cambiano le regole Ue sui viaggi. Conterà il Green Pass, non la situazione del Paese di provenienza.
Per i viaggi Ue conterà il Green Pass, non la situazione del Paese di provenienza (STEPHANE DE SAKUTIN/AFP via Getty Images)

Covid e viaggi Ue, le regole attuali

Al momento l’Unione Europea scoraggia gli spostamenti da e per le zone di colore rosso scuro, raccomandando ai viaggiatori provenienti da queste aree, oltre al tampone negativo, anche un periodo di quarantena. Test Covid negativo anche per chi arriva da zona arancioni. Adesso il sistema cromatico potrebbe sparire, senza ulteriori restrizioni imposte ai vaccinati, in possesso del Green Pass europeo valido.

Covid, come cambiano le regole Ue sui viaggi. Conterà il Green Pass, non la situazione del Paese di provenienza.
Bruxelles si appresta a modificare le regole per i viaggi Ue (Alexander Hassenstein/Getty Images)

Covid e viaggi Ue, il nodo della dose booster

Resta da capire se sarà richiesta anche la dose booster e, dunque, se a una determinata distanza dalla seconda somministrazione del vaccino sarà necessario esibire comunque un tampone negativo o, addirittura, essere sottoposti alla quarantena. Attualmente, il suggerimento è quello di non sottoporre a test o quarantena coloro che hanno ricevuto «l’ultima dose raccomandata di vaccino contro il Covid-19 almeno 14 giorni prima dell’arrivo». La mappa di incidenza che raccoglie i casi degli ultimi 14 giorni, predisposta dal Centro europeo per il controllo e la prevenzione delle malattie, continuerà ad essere aggiornata settimanalmente, ma avrà un carattere meramente informativo.