Emergenza climatica al Cop26: sul clima bisogna agire subito

Redazione
01/11/2021

A Glasgow i potenti del mondo affrontano il nodo dei cambiamenti climatici con la certezza che non si possa perdere altro tempo

Emergenza climatica al Cop26: sul clima bisogna agire subito

I leader del mondo sono riuniti a Glasgow per i lavori della Cop26 e la certezza di tutti è che sull‘emergenza climatica non si possa perdere ulteriore tempo. «Manca un minuto a mezzanotte e dobbiamo agire ora» è il messaggio del premier britannico Boris Johnson ai leader del mondo riuniti da oggi a Glasgow per i lavori della CoP26. Alla cerimonia di apertura, secondo le anticipazioni di Downing Street, il primo ministro dirà che l’umanità «ha da tempo messo a dura prova il cambiamento climatico», avvertendo che «se non saremo seri, sarà troppo tardi perché i nostri figli lo facciano domani».

Clima: gli obiettivi dell’UE

Sono tre gli obiettivi che l’Unione Europea, la potenza ‘erbivora’ che fa da capofila nella lotta per tagliare le emissioni climalteranti, ha messo nel mirino alla Cop26, la 26esima Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici, che si tiene a Glasgow e si concluderà il 12 novembre. Primo, fare quanto è necessario per mantenere il riscaldamento del pianeta intorno a 1,5 gradi centigradi, rispetto ai livelli preindustriali, come previsto dall’accordo di Parigi del 2015. E, per mantenere questo obiettivo in vista, servono più sforzi già in questo decennio, come ha detto la presidente della Commissione Europea Ursula von der Leyen. Insomma, chi ha preso impegni lontani nel tempo dovrebbe presentare anche piani intermedi e concreti per attuarli, agendo già in questo decennio.

Clima, bisogna ridurre le emissioni

Secondo, mobilitare la finanza climatica, cioè gli aiuti finanziari dei Paesi più sviluppati (in gran parte responsabili del riscaldamento del pianeta) nei confronti di quelli più poveri, per aiutarli a passare ad un’economia meno inquinante, riuscendo a consegnare 100 mld di dollari l’anno già a partire dal 2022, e non dal 2023. Terzo, trovare un accordo sul ‘rulebook’, l’insieme delle regole che, su base scientifica, consentiranno di misurare le emissioni climalteranti e lo scambio di quote delle stesse tra i Paesi, evitando i doppi conteggi. E’ la parte più tecnica e complicata del negoziato, ma anche quella sulla quale a Bruxelles si respira un certo ottimismo.