Ciro Palmieri ucciso e fatto a pezzi: fermati i due figli e la moglie

Claudio Vittozzi
19/08/2022

Le autorità sembrano aver trovato delle prove schiaccianti contro i familiari e vogliono continuare nelle indagini

Ciro Palmieri ucciso e fatto a pezzi: fermati i due figli e la moglie

Ciro Palmieri, un uomo che viveva in provincia di Salerno, è stato ucciso e fatto a pezzi. Ora le autorità hanno fermato la moglie e i due figli e sembra essere emersa la verità sul caso. Ecco cosa è successo.

Ciro Palmieri è stato fatto a pezzi da ignoti. Ora sono stati fermati la moglie e i due figli e sembra essere stata svelata la verità.

Cosa è successo a Ciro Palmieri?

Le indagini per la ricerca di Ciro Palmieri erano partite quando la moglie dell’uomo aveva denunciato il 30 luglio scorso la sua scomparsa ai carabinieri di Giffoni Valle Piana. Tuttavia, il suo racconto aveva generato dei sospetti e aveva creato dubbi negli organi competenti. Secondo gli agenti, il racconto della donna aveva diverse lacune e non corrispondeva alla realtà. Per questa ragione, i carabinieri avevano disposto il sequestro dell’impianto di videosorveglianza. In realtà, solo grazie a un tecnico specializzato i carabinieri sono riusciti a recuperare i file video del 29 e 30 luglio che risultavano essere sovrascritti. In questo modo, gli organi competenti sono riusciti a scoprire la verità.

Ciro Palmieri è stato fatto a pezzi da ignoti. Ora sono stati fermati la moglie e i due figli e sembra essere stata svelata la verità.

Perché sono stati fermati i due figli e la moglie?

La visione delle immagini ha fatto luce sulla dinamica della situazione e ha mostrato agli investigatori un quadro agghiacciante. Infatti, le videocamere avevano ripreso la fase iniziale della lite familiare con l’aggressione dell’uomo da parte della moglie e dei figli utilizzando più armi bianche. In seguito, le immagini hanno mostrato l’accoltellamento ripetuto della vittima anche quando era a accasciato a terra, il tutto sotto lo sguardo del figlio più piccolo di Ciro Palmieri, di soli 11 anni.

Una brutalità che non si è fermata neanche dopo la morte dell’uomo: le immagini hanno ripreso l‘amputazione di una gamba della vittima, lo spostamento dell’uomo in una busta di plastica e il successivo occultamento del cadavere. Al momento del fermo i sospettati hanno rivelato il luogo dove avevano gettato il cadavere, un dirupo nelle vicine montagne di Giffoni Valle Piana. Le attività di recupero sono partite per prelevare il corpo con l’aiuto dei Vigili del Fuoco e del Soccorso Alpino. Ora per i figli e la moglie di Ciro Palmieri la giustizia farà il suo corso.