Circeo stasera su Rai 1: le anticipazioni della seconda puntata della miniserie sul massacro del 1975

Alberto Muraro
21/11/2023

Comincia il processo a Latina e Donatella, che dovrà deporre nella villa degli orrori, diventa un simbolo per le femministe. Appuntamento alle 21.30.

Circeo stasera su Rai 1: le anticipazioni della seconda puntata della miniserie sul massacro del 1975

Verrà trasmessa su Rai 1, nella serata di martedì 21 novembre 2023, la seconda puntata di Circeo, la miniserie che racconta gli eventi legati al massacro del 1975 dove perse la vita Rosaria Lopez e del processo che ne è seguito. L’appuntamento è fissato anche stavolta alle 21.30 circa. Ecco tutte le anticipazioni sull’episodio.

Circeo, le anticipazioni della seconda puntata del 21 novembre 2023: i primi giorni del processo

La puntata si apre con l’inizio del processo di primo grado a Latina, che coinvolge Gianni Guido e Angelo Izzo, mentre Andrea Ghira è ancora in fuga. Gli avvocati difensori dei colpevoli sono tra i più rinomati penalisti dell’epoca. Nel mentre, Teresa Capogrossi e Fausto Tarsitano, difensori di parte civile per Donatella Colasanti, studiano attentamente le mosse dei loro avversari per strutturare una strategia adeguata. I primi giorni del processo saranno contraddistinti da accese discussioni su richieste di attenuanti e perizie. Nel frattempo, le donne del movimento femminista sostengono Donatella, rendendola un importante simbolo di lotta, e si presentano a ogni singola udienza. Tuttavia, la loro presenza in aula rischia di influenzare l’esito del processo, portando a un duro confronto tra Teresa e Tina Lagostena Bassi.

Circeo, le anticipazioni della seconda puntata del 21 novembre 2023: Donatella si scontra con il movimento femminista

Nonostante gli esiti positivi delle prime udienze, Donatella affronta la sfida più difficile quando deve deporre nella villa del Circeo, luogo delle torture e dell’omicidio della sua amica Rosaria Lopez. In una simile situazione, Donatella si trova così obbligata ad affrontare ricordi terribili e angoscianti, trovando però conforto nella dolcezza di sua madre, nella determinazione di Teresa e nella spensieratezza di Saverio Vitale. Tuttavia, in aula, le difficoltà aumentano: l’impatto con l’opinione pubblica e la pressione del processo la mettono a durissima prova. Il suo carattere impulsivo la porta dunque a scontrarsi anche con lo stesso movimento femminista, che l’aveva inizialmente sostenuta. Nel frattempo, Saverio dimostra di non essere un opportunista, ma di essere sinceramente interessato al destino di Donatella, cambiando l’approccio con Teresa.